Soddisfare il Bisogno o Stimolare il Desiderio?

Bisogno o desiderio questo è il problema?

Temo che si faccia troppa confusione al riguardo. Occorre una riflessione serie per chi si occupa di Marketing.

Il Bisogno è la mancanza o la privazione di qualche cosa di cui necessitiamo. Senza tale cosa non possiamo ottenere un risultato atteso. Supposto che sono due giorni che non mangiamo abbiamo bisogno di ingerire prima possibile cibo e acqua per sopravvivere. iL Prof. Maslow negli anni 50 descrisse tutti i principali bisogni e li inserirì in una celebre piramide la cui base era composta dai bisogni fisiologici per la vita, al vertice i bisogni più elevanti l’uomo come l’autostima e la spiritualità. Nel corso del tempo varie interpretazioni hanno arricchito lo studio dei bisogni, tuttavia rimane valido l’elenco. Solo che sul finire dei suoi giorni Maslow iniziò a capire e lo scrisse che la piramide andava rovesciat, la base dell’uomo non erano i bisogni fisiologici bensì quelli della auto-stima e della spiritualità.

Il bisogno è sempre governato dalla Necessità, che i greci chiamavano ANANKE.


Per Omero ed Esiodo appare come la forza che regola tutte le cose, dal moto degli astri ai fatti particolari dei singoli uomini.Veniva adorata raramente ma aveva una certa importanza nei culti misterici come nell’Orfismo.”( da Wikipedia)
Ananke non poteva essere pregata nè supplicata, poichè ella indicava alle sue sottoposte le Moire di fillare le necessità per ognuno.

^ Platone Repubblica X,135,34 “Altre tre donne sedevano in cerchio a uguale distanza, ciascuna sul proprio trono: erano le Moire figlie di Ananke, Lachesi, Cloto e Atropo, vestite di bianco e col capo cinto di bende; sull’armonia delle Sirene Lachesi cantava il passato, Cloto il presente, Atropo il futuro.”

Nella mitologia romana, venne chiamata Necessitas (“Inevitabilità”) ma rimase sempre un’allegoria poetica priva di un vero culto.

Dunque per la cultura grecia la necessità che impone senza scampo all’uomo di essere, nessuna volontà. L necessità riduce tutto a bisogni necessari senza necessità, appunto, di desiderare.
(Hanna Arendt lo scrisse magnificamente nè la vita activa, affermando che la volontà fu la grande introduzione del pensiero cristiano, che riteneva l’uomo libero dalle sue scelte sotto la Grazia di Dio, lo approfidirò presto)
I desideri invece sono più difficili da comprendere per la cultura greca. Il termine deriva da un motto marinaio estratto dal latino. Sideris significa stella, de è un privativo, il de-sideris era l’augurio che veniva fatto a chi si metteva in mare, che tu possa togliere la stella, che indica la rotta, e dunque giungere alla meta.

Il desiderio è uno stato della VOLONTA’, non della NECESSITA’.
 Io voglio una cosa con tutte le mie forze, non sono necessitato però a volerla.

In pratica possiamo dire che mentre i bisogni sono insiti nell’uomo, oserei dire latenti, e non possiamo ignorarli o modificarli, invece i desideri sono influenzabili sempre, poichè dipendono dal pieno controllo della VOLONTA’ umana. (So già che molti diranno che la volontà può essere piegata, tipo dalla pubblicità, è vero ma sempre con il concorso della mia volontà).

Pertanto ritengo che chi lavora nel Marketing si debba concentrare sullo stimolo dei desideri, far venire l’acquolina in bocca come se fosse indispensabile per soddisfare il tuo bisogno che è nel sottofondo. Il bisogno non può essere stimolato, ma solo compreso, il desiderio invece esige che venga ESALTATO  per essere IRRESISTIBILE. 

Stranamente IL DESIDERIO è Maschile, ma solo per il DE, senza sarebbe LA STELLA che Si VUOLe, che è femminile. 

 

La cavalcata di Paul Rever

Un esempio classico e storico di una pandemia politica è la famosa cavalcata di Paul Rever.

Il 18 aprile 1774 un ragazzino che lavorava in una scuderia di Boston udì per caso un ufficiale
dell’esercito britannico dire a un altro commilitone: “domani scoppierà l’inferno”.
Il ragazzo era uso girare per le strade della città ad aiutare chi era in difficoltà coi propri cavalli.
Incontrò un argentiere facoltoso che aveva un problema al cavallo, lo aiutò a risolverlo. Nel mentre si
scambiavano due chiacchiere riferì di quanto aveva udito, non capendo però l’importanza della soffiata.
Paul Rever invece comprese al volo.
Egli era un militante dei rivoluzionari americani che lottavano per l’indipendenza dell’america
rispetto alla amata Inghilterra. Aveva partecipato volontaristicamente alla rivolta del Tea.
Paul Rever accostò l’informazione avuta alla osservazione dei vari movimenti in porto,
assai strani e sospetti.
Si convinse insieme al suo amico Warren che gli inglesi stavano per attaccare la città di Lexington per
stroncare le resistenze anti-inglesi. In particolare catturare i capi che lì si rifugiavano: Hancock e Adams.
Da qui in poi si entra nella LEGGENDA DELLA CAVALCATA.
Alle 22 Paul Rever ed il suo fidato amico si convinsero a partire per allertare i coloni
dell’arrivo degli inglesi.
Da Boston si diresse verso Lexington, circa 20 KM, con un cavallo in prestito, ed impiegò circa 2 ore
per sollevare le difese dei coloni contro gli inglesi.
In men che non si dica la PANDEMIA POLITICA si diffuse, come un fuoco alimentato da un vento
teso.
In 3 ore l’annuncio arrivò a LiNCOLN che era a oltre 60 km da Boston.
Per l’epoca era un fatto straordinario ed eccezionale.
Il mattino seguente del 19 aprile gli inglesi sferrarono il loro attacco, tuttavia non trovarono una popolazione
inerme e imprenparata, tutt’altro, i coloni erano lì pronti ad aspettarli con le armi in pugno.
Gli inglesi presi in contropiede, forse per questo odiano il calcio all’italiana, furono sonoramente sconfitti
nella prima grande guerra dei coloni contro la corona.

PAUL REVER E’ L’ESEMPIO PIù FAMOSO DELLA PANDEMIA della volontà DA PASSAPAROLA.
Da un punto di vista di Marketing cosa ci insegna questa mitica cavalcata portatrice di Pandemia.
Primo Punto
LA NOTIZIA, il prodotto anche in sè CONTA, eccome SE CONTA.

Paul Rever portava una notizia di vitale importanza in quel momento, e direi quasi attesa.
Una notizia che era un prodotto straordinario e virale.
Il contenuto del messaggio Pandemico deve essere a sua volta pandemico, deve cogliere nel segno,
affinmchè ci sia il fattore presa.

Secondo Punto
Il contenuto del messaggio in sè non basta.
Nello stesso tempo di Rever un suo amico rivoluzionario il conciatore Dawes fece un altro percorso
per avvertire i coloni. Tuttavia non gli riuscì a diffondere la pandemia.
Nonostante il messaggio fosse lo stesso.
PERCHE’?
Un motivo assai valido dipende dal fatto che Dawes non era Rever.
Per diffondere una pandemia conta assai CHI porta il Messaggio.
la legge dei pochi è pue sempre una legge, deve rispettare alcune regole per
la sua attuazione.
Paul Rever possedeva tutta una serie di qualità personali, e sociali estremamente particolare e raro.
Assommava in sè le qualità che abbiamo studiato di connettore, venditore ed esperto di mercato.
Paul Rever conosceva migliaia di persone, era un imprenditore, un giocatore di carte, iscritto a molte
logge massoniche e rivoluzionarie ecc. ecc.
Insomma il tipico connettore con forti ascendenti da venditore era un imprenditore e un esperto di mercato
di cui fidarsi.
Inoltre aveva una naturale capacità di socializzare e di dialogare con tutti che lo rendeva empaticamente
molto accattivante quando trasmetteva i suoi messaggi.
Per questo la sua cavalcata e solo la sua risultò leggendaria.
Terzo punto
Il potere del contesto in questo caso ha avuto un ruolo determinante.
I coloni erano pronti per essere infettati da un messaggio simile pertanto appena
si resero conto del momento presero le armi e spazzarono via gli inglesi.
Possibile che questo però non sia stato valido per Dawes, ove magari nei luoghi passati
da lui il contesto non fosse pronto, giusto per giustificare l’insuccesso della sua cavalcata.
dopo il 1773 e la nascita dei Boston Tea Party il contesto era già molto bene indirizzato a
ricevere il la per una guerra contro gli inglesi. Essere attaccati lo rese necessario e non si fecero
pregare.

Questa storia che rientra nella leggenda che contribuì alla nascita degli Stati Uniti D’america
ci insegna quanto sia fondamentale il passaparola PANDEMICO.
Il messaggio e il messaggero risultano aspetti essenziali per la viralità pandemica.
Senza dimenticare il contesto con il suo potere, che in pratica dà il segnale di partenza.
Domanda
il come si espande il messaggio conta?
ovvero se Paul Rever si fosse affidato ad altri mezzi per avvertire i coloni avrebbe comunque funzionato.
Lo vedremo un’altra volta.