Dario Cecchini: Mucca Viola macellata e ri-creata. Esempio di Marketing Pandemico

ULTIMA ORA NEWS

Poche ore dopo aver pubblicato il Post mi sono permesso di condividerlo sulla pagina del Sig. Dario Cecchini. E Pensate un PO’ MI HA RISPOSTO Ecco come:

Commosso e onorato e orgoglioso di come mi vedi.

 Grazie. 

Questo mi dà una grande forza di andare avanti. 

W la ciccia!!!!

 

Cosa dire, un comunicatore Pandemico PAZZESCO, Inarrivabile. Grazie a Lei per le belle parole e per rendere l’Italia Famosa nel Mondo con le NOVITA’ CICCIOSE.

Leggete il POST!!

Uno degli esempi più clamorosi di Mucca Viola (clicca qui) riportati da Seth Godin nel suo libro Best Seller è quello di Dario Cecchini IL MACELLAIO della Fiorentina.

Vi consiglio di consultare il sito del Macellaio:

 http://www.dariocecchini.com/dariocecchini

A pag. 102 del Libro La Mucca Viola   edizione del 2004 di Sperling&Kupfer dice:

"In Italia esistono migliaia di macellai, ma il più famoso e (ricco), è senza dubbio Dario Cecchini, interessante personaggio dalla cultura vasta ma sanguigna di cui hanno parlato riviste, giornali, e guide gastronomiche. La sua macelleria a Panzano del Chianti, che vanta una tradizione di 250 anni è quasi sempre affollata. Vengono a visitarla persone da ogni parte del mondo che vogliono ascoltare lui in persona recitare i versi di Dante e vantare i pregi della bistecca alla fiorentina. ........La sua carne è davvero di gran lunga la migliore del mondo? Chissà!!!!! Ma trasformando il processo di acquisto della carne in un esercizio intellettuale e politico, Dario Cecchini ha trovato modo di trarre profitto da una semplice mucca, che naturalmente è una MUCCA VIOLA."

Una Macelleria Conosciuta in tutto il mondo, soprattutto negli USA e in Giappone. Se visitate il suo sito lo troverete assai divertente soprattutto per gli appassionati del cibo LUCULLIANO  tanto che il suo  Motto  d’esordio è fantastico:

“Meglio Spender Soldi dal Macellaio

che

dal Farmacista” 

Interessante e quasi perfetta la  sua Mission Pandemica :

“IL MIO NOME E’ CECCHINI ……DARIO CECCHINI. 
Sono 38 anni che faccio il mestiere di macellaio cercando di migliorarmi nella mia arte e di arrivare al taglio e alla cottura perfetta per ogni pezzo di ciccia. E’ il mio modo di rispettare l’animale: usare tutto al meglio. Nella mia bottega, dove è sacra l’ospitalità, potete comprare manzo, maiale e in stagione agnello. Nei miei ristoranti, dove si mangia tutti assieme in convivio, avrete la possibilità di apprezzare, spero, tutto il mio lavoro nella ricerca della qualità.”

Nel breve scritto c’è tutto il mondo di Dario Cecchini e la sua Mission risulta assai chiara e incentiva le sue creazioni perchè parla di arte della macellazione, di fantasia, e ti qualità al servizio di tutta la sua passione. Nota che non parla di tradizione, anzi sottolinea la volontà di essere raggiungere in futuro la perfezione.

Questa Mission ha permesso al  Cecchini  di ampliare la sua offerta sempre legata però a questo missino. Dal 2004, anno dello scritto del libro di Godin riportato, ad oggi ha aperto varie fortunate attività parallele molto innovative e particolari.  ASSOMIGLIA MOLTO al ristorante innovativo del film da me recensito in chiave Marketing Pandemico in questo Post: 4 ristoranti italiani e un film francese, la tradizione trampolino di lancio verso il futuro.

Eccole in breve estratte dal sito Le 3 formule di ristorazione del Cecchini:

L’Officina della Bistecca

Menù fisso a base di carne a 50 euro. L’Officina della Bistecca è la nostra maniera di affrontare in convivio la terribile questione della perfetta cottura di Sua Maestà La Bistecca alla Fiorentina e delle Sue Sorelle La Costata e La Panzanelle. Vi aspettiamo con le braci accese per godere insieme del buon cibo, del vino, dell’amicizia e di tante belle bistecche da mangiare a morsi. L’Officina è sconsigliata alle genti di poco appetito.

Solocicca

Il Solociccia è la cucina del macellaio. Si mangia tutto dal naso alla coda in convivio.  Il menu del Macellaio sono 6 portate di carne, verdure di stagione, fagioli all’olio, pane vino torta caffè e grappa. Tutto per 30 euro. Al menu della Vacca Intera è aggiunta la Bistecca alla Fiorentina e costa 50 euro. Il Solociccino è la versione sportiva del Solociccia, servito a pranzo. Quattro buoni piatti di carne, verdura, fagioli ecc. per 25€. Tutti i giorni dalle 12 alle 15 tranne i festivi.

DARIO DOC

Si Può FARE e Servire, seduti a tavola, buon cibo a buon prezzo, e godere e divertirsi con questi tre menu.
Il primo giocato sul concetto del fast food buono, il secondo su griglia e tradizione e il terzo sulle specialità della mia macelleria. Si può fare e l’abbiamo fatto. Venite quando volete fra le 12 e le 15 tutti i giorni tranne i festivi. Menu a 10, 15 e 20 euro.

Che ne dici? Interessanti no? molto vicini alla filosofia del film da me recensito tempo fa  :

leggi il post :
Azienda agricola Rossi a Moresco,
una grande potenzialità di crescita tutta da valorizzare per Italian Business Design

Penso che sono formule geniali, che ruotano tutto attorno alla Mission del Dario e che sulla base di una fortissima tradizione, fateci caso MAI nominata nel sito, offre varianti alla MUCCA VIOLA macellata. Considera poi che siamo in un periodo di vera moda VeganA e Vegetariana.

Inoltre di recente ha avuto una altra formidabile idea e  intende aprirne una quarta FORMULA molto ma molto interessante. L’ho trovato in un post de il GamberoRosso: clicca qui

Riporto alcune frasi e domande tratte dal post  del blog della presentazione del nuovo locale con le vive parole di Dario Cecchini e le commento da Antropologo d’impresa. 

CECCHINI PANINI

Dario Cecchini: un nome che per gli appassionati di cibo dice molto, il macellaio per eccellenza, colui che ha ridato lustro a un lavoro, quello del beccaio, che rischiava di essere poco valorizzato.  Il locale che aprirà presumibilmente a maggio prossimo. Leggiamo cosa dice il Creatore:
“L’idea mi è venuta una volta che a San Francisco, ospite di Alice Waters, tornavo a casa camminando con mia moglie. Mi sono trovato di fronte ad un fast food con persone che fumavano il crack, completamente perse nel loro mondo. Ho guardato ed ho pensato che non è giusto rovinarsi la vita anche con il cibo, che dovevo aprire un locale dove fosse possibile dare da mangiare a un prezzo equo cibo sano e gustoso”.

Sottolineo che Alice Waters è un nome altisonante negli USA per la ristorazione, visita il suo sito QUI. La Comunicazione pandemica del Cecchini focalizzata soprattuto sul mercato Americano e giapponese. Da Anni il buon Cecchini si adopera di farsi conoscere all’estero, dato che si trova in Toscana una delle mete preferite degli americani. Lo ritengo un mago della Comunicazione Pandemica

 “A Panzano, nella parte vecchia del paese, c’era una bottega di alimentari chiusa da sessant’anni. Ci sono passato davanti tante volte. Mi sono immaginato a lungo cosa ci potesse essere dietro la serranda chiusa e, una volta aperto, il nulla che mi ha accolto mi ha fatto capire che si doveva ricominciare a nutrire la gente. Sono convinto che, dove si è servito cibo, rimanga energia positiva”. “Insieme ai panini, servirò il Chianti Ramen, proprio con lo stile proprio della preparazione giapponese, ma con ingredienti chiantigiani, a partire dal brodo di manzo”. Mancheranno le patate fritte? “Certo che no, fritte nel grasso di manzo. E la pancia dell’animale, cotta alla brace, sarà utilizzata per fare i panini, a unire quella che era la tradizione di una volta. Prima la bistecca non era un mangiare comune, la prima volta che io l’ho mangiata avevo 18 anni!

NULLA MA PROPRIO NULLA DELLA TRADIZIONE,

MA PARTENDO DALLA TRADIZIONE

verso il futuro.

Il Ramen con la Chianina è una idea-virus potenziale Fenomenale, specie per i nostri amici orientali dove il Ramen è il principale piatto da strada leggi il re dei noodles

Per non parlare poi del suo estremizzare la grassezza dei condimenti in un mondo che rompe le palle per ogni granello di sale e grasso in più ogni santo momento del pranzo.

Insomma una nuova e potenziale MUCCA VIOLA sempre derivante dalla sua Mission Pandemica. Un Macellaio con la passione, Godin direbbe con l‘OTAKU della Carne

Da cosa è nata la tua passione per la professione?

Il saggio maestro Giuseppe Prezzolini definì alcuni suoi scritti ‘alimentari’ cioè per la pappa quotidiana. Penso che ogni mestiere e professione possa definirsi ‘alimentare’. La necessità di nutrire il corpo, lo spirito, l’ambizione. La mia scelta per la macelleria fu obbligata dall’abbandono degli studi di veterinaria all’Università di Pisa per la morte prematura di mio padre. Mi ritrovai dietro il banco, ho sempre svolto il lavoro con amore passione e fantasia. 

Pochi giovani vogliono fare questo mestiere: pensi possa essere utile l’apertura di una scuola dedicata? O come ci si potrebbe muovere al riguardo?

Ben vengano le scuole per preparare futuri macellai. Ma sono del parere che, come nelle botteghe rinascimentali si apprendeva arte e mestiere, solo nelle botteghe artigiane un giovane dietro al ceppo con gli attrezzi giusti, si sarà formano e sarà un vero ‘mastro beccaio’.

Concludendo: un MACELLAIO che sa come innovare per il futuro in modo continuo e non si ferma al successo ottenuto, che prova e batter nuove strade con fantasia e passione. Spero possa esser di ispirazione ai nostri ristoratori che vedo invischiati nelle secche delle tradizione più bieca e stupida con sciatteria leggi qui. Oppure con formule interessanti tipo questa leggi qui, ma poco sfruttate e innovative.

 

 

http://www.dariocecchini.com/dariocecchini/

Il Turismo funziona se attira le persone giuste grazie al Marketing Territoriale che in Italia Non si fa.

 

 

 

L’estate 2016 è definitivamente finita. E’ tempo di bilanci, per migliorare l’offerta turistica del prossimo anno e in generale del futuro.

Un ramo del MARKETIGN PANDEMICO è quello che si applica al turismo, detto altrimenti MARKETING TERRITORIALE.  Ne abbiamo parlato QUI E QUI ed  in 

Marketing territoriale Pandemico. Startup con idee creative da rischiare

Spiegato cosa intendiamo in questo Post:

Marketing Territoriale, questo sconosciuto.

Mi offre una ottima occasione di spunto l’intervista e i vari interventi rilasciati da un Imprenditore famoso, scomodo brutale ma di…. successo. Egli esprime in forma “imprenditoriale” quanto affermo io nei miei post di Marketing Pandemico.

L’imprenditore si Chiama Flavio Briatore, noto alle cronache, agli sportivi della Formula 1, ed agli studenti anziani come me di Cà Foscari in quanto egli in gioventù è stato una delle colonne del successo della BENETTON. Io lo conobbi in un Incontro Universitario a parlare di Fashion  Marketing.

Ecco il Link dove potete leggere l’intera intervista, ma nel web ce ne sono tante e di simili: qui

Riporto domande e risposte e le commento da par mio in VIOLA. avverto che … sarò polemico. 

Esordio del Briatore:  «Il Sud è indietro di trent’anni»…….

E vabbè, questo vale anche per la mia regione, anzi avendo visitato la Puglia di recente, qua dove vivo io, pure oltre 30 anni. 

E perché la Puglia e il Sud sarebbero in ritardo? E poi rispetto a chi?

«Vada in Costa Azzurra. Ci saranno duecento hotel a cinque stelle, in Puglia c’è Borgo Egnazia e poco altro».

Ecco un punto centrale la qualità reale degli hotel. Ho fatto il mio viaggio di nozze in Spagna nel 2012, ho prenotato via Internet sempre in Hotel 5-6 stelle spendendo assai poco, o come le orrende pensioni italiche o i B&B italici. Senza questi Non si fa turismo. Ovvio che se non si agevola la loro costruzione ….

Ancora con questa storia dei cinque stelle?

«No, non ci siamo capiti. M’invitano a Otranto, dove fra un anno prevedo di aprire una sede del Taiga,(nascerà nel 2017 Otranto)  e dico quello che penso. I vostri alberghetti non servono, i ricchi vogliono hotel di lusso sul mare». 

I ricchi. Ecco il Punto. O meglio Coloro che possono permettersi di spendere e amano spendere. Il turismo   deve attrarre queste persone, specie nelle zone più belle d’ITALIA. Perché poi lamentarsi che le persone non spendono. Ovvio se attiri chi non spende, non spendono, se attiri chi spende spende. Mi sembra una banalità ma è così. Conosco persone che tutto l’anno mettono da parte i soldi solo per permettersi la possibilità di andare a ballare nei locali sardi del Briatore. L’ebbrezza di essere a contatto con la vera ricchezza è la molla che li spinge. E’ la VALUTA SOCIALE che scatena una Pandemia, in quanto coloro che acquisiscono tale Valuta la possono spendere con gli altri e innescano il PASSAPAROLA, i quali verranno giocoforza infettati, secondo gli studi del Prof. Becker sul Contagio Leggi qui.

«Eh no, nel corso di quella tavola rotonda i politici si sono lamentati perché in Puglia, e io aggiungerei in tutto il Sud e forse in mezza Italia, c’è un movimento mordi e fuggi. E i turisti, pensi un po’, buttano le buste di plastica fra gli ulivi».«Di questo e di altro si lamentavano i relatori a Otranto. Io ho solo puntualizzato l’ovvio».

«Se nel Salento vogliono fare il salto di qualità e guadagnare di più, devono fare degli investimenti». «Per attrarre il turismo di qualità. Quello che spende, come ho detto, anche 10-20 mila euro al giorno».

Briatore va al sodo. Se si vuole guadagnare occorre attirare una certa Domanda Turistica che Lui definisce di Qualità. Si  intende con coloro che possono spendere, e desiderano spendere per qualcosa però di UNICO, Stra-oRDINARIO, non Banale e Povero. Bisogna Valorizzare Creativamente i Luoghi d’ITALIA, con tutte ciò che possa attirare le Persone che possono Spendere. Prodotto TURISTICO UNICO Bello, di Design, compresi i Negozi, i Bar e i RISTORANTI. Insomma tutto quanto fa  MARKETING TERRITORIALE e non invece la La Sciatteria .

Ammesso che funzioni.

«Funziona. Funziona. Io conosco almeno cinque persone importanti che sono state quest’anno a Borgo Egnazia per eventi, matrimoni, vacanze. E son cinque persone che spendono».

Certo che il Rischio c’è. Ci mancherebbe, c’è sempre la possibilità che non funzioni, ma un conto è tentare una strada che porta ricchezza, un altro è percorrere sempre quella della povertà. La prima è rischiosa ma potenzialmente fruttuosa, la seconda fallimentare di suo. Aprire un Mercato significa attendere di scoprire un cigno nero

D’accordo, ammettiamo che il modello sia esportabile. Di che cosa c’è bisogno?

«Ci vogliono le infrastrutture» «Anzitutto i porti. Qui attraccano gli yacht da 70-80 metri da cui scendono quei signori che in 24 ore distribuiscono ricchezza nei bar, nei ristoranti, nelle boutique. Poi servono gli hotel a cinque stelle e scuole alberghiere che sfornino personale in grado di conversare in inglese. Ancora i campi da golf e tutti i servizi che possano allietare la vacanza di un americano o di un inglese».

Questo oggi non c’è?

«Io so che in Puglia i grandi hotel fanno fatica a trovare personale locale all’altezza. Ma guardi che il problema non è solo della Puglia. Vale per tutta Italia».

Stoccata alle pessime scuole professionali italiche, snobbate dai ragazzi migliori ed anche dai professori migliori. Gli Istituti Alberghieri sono di … bassa se non di bassissima lega. Preparano ragazzi per fare cosa? non si sa, non certo all’altezza di HoTEL Cinque stelle. In Francia invece da decenni la scuola per il turismo è da lite, noi invece abbiamo quelle inutili scuole come i Licei. Questo dipende anche dalla cultura medico italica.

Come rimediare?

«Intanto le regioni non possono procedere in ordine sparso. Ci dovrebbe essere un coordinamento a Roma. Il turismo è la nostra prima azienda, potrebbe garantirci almeno 6 o 7 punti di Pil in più e invece siamo al palo».«Sembra impossibile, ma non esiste una compagnia di alberghi di lusso italiana. Abbiamo Roma, Firenze, non una marchio di alta gamma». “L’80 per cento degli amministratori – aggiunge ancora Briatore – non ha mai preso un aereo. Come si fa a parlare di turismo senza averlo mai visto?”

Da noi a quanto so comandano le Confcommercio e le Confesercenti, con i loro eletti e dirigenti. Con i corsi di basso profilo, da far ridere i polli. Tutto è legato a quanto loro vogliono. Immaginarsi se è pensabile far ideare il turismo del futuro ad associazioni territoriali poco più che amatoriali. Le sagre le sanno fare, ma il turismo è una cosa seria. Non possono neanche sapere come farla né sognarla. Il Marketing neanche a parlarne, poiché al massimo lo intendono come pubblicità, al minimo come per prodotti dozzinale.

Al Sud molto si è fatto in questi anni. Strade, ristoranti, enoteche.

«Senta, l’altro giorno a Otranto le spiagge erano vuote. Poche ore dopo ero a Mykonos, dove credo che aprirò un altro Twiga, e le spiagge erano piene. Ci sarà un motivo». Il clima? «Ma che clima. Servono le infrastrutture, come i moli per gli yacht: la Francia ci bagna il naso. E ci vorrebbe una testa diversa. Se io al Twiga in Versilia alzo di un decibel la musica, anche al pomeriggio, immediatamente arrivano i vigili».

«La cultura non basta. I turisti vanno a vedere le città d’arte quando piove. Negli altri giorni vogliono servizi impeccabili».«No, anche i musei spesso sono chiusi. O fanno sciopero senza preavviso. Come al Colosseo e a Pompei. Purtroppo, l’Italia è tutta uguale».

Questo lo affermiamo da anni. I musei NON portano turismo. Sono solo un po’ di contorno, ma nulla di più!! a meno che si facciano mostre impressionanti e straordinarie. Ma per la maggior parte ai musei ci si va nel tempo ….. perso!!! Idem per le ridicole rappresentazioni storiche, solo alcune sono degne di note, la maggior parte sono solo inutili dispendiose e portano zero turismo, ma in compenso si spendono un sacco di soldi per le prebende locali e localistiche.

IN CONCLUSIONE 

“Se volete il turismo servono i grandi marchi e non la pensione Mariuccia, non bastano prati né musei, il turismo di cultura prende una fascia bassa di ospiti, mentre il turismo degli yacht è quello che porta i soldi, perché una barca da 70 metri può spendere fino a 25mila euro al giorno”