La cavalcata di Paul Rever

Un esempio classico e storico di una pandemia politica è la famosa cavalcata di Paul Rever.

Il 18 aprile 1774 un ragazzino che lavorava in una scuderia di Boston udì per caso un ufficiale
dell’esercito britannico dire a un altro commilitone: “domani scoppierà l’inferno”.
Il ragazzo era uso girare per le strade della città ad aiutare chi era in difficoltà coi propri cavalli.
Incontrò un argentiere facoltoso che aveva un problema al cavallo, lo aiutò a risolverlo. Nel mentre si
scambiavano due chiacchiere riferì di quanto aveva udito, non capendo però l’importanza della soffiata.
Paul Rever invece comprese al volo.
Egli era un militante dei rivoluzionari americani che lottavano per l’indipendenza dell’america
rispetto alla amata Inghilterra. Aveva partecipato volontaristicamente alla rivolta del Tea.
Paul Rever accostò l’informazione avuta alla osservazione dei vari movimenti in porto,
assai strani e sospetti.
Si convinse insieme al suo amico Warren che gli inglesi stavano per attaccare la città di Lexington per
stroncare le resistenze anti-inglesi. In particolare catturare i capi che lì si rifugiavano: Hancock e Adams.
Da qui in poi si entra nella LEGGENDA DELLA CAVALCATA.
Alle 22 Paul Rever ed il suo fidato amico si convinsero a partire per allertare i coloni
dell’arrivo degli inglesi.
Da Boston si diresse verso Lexington, circa 20 KM, con un cavallo in prestito, ed impiegò circa 2 ore
per sollevare le difese dei coloni contro gli inglesi.
In men che non si dica la PANDEMIA POLITICA si diffuse, come un fuoco alimentato da un vento
teso.
In 3 ore l’annuncio arrivò a LiNCOLN che era a oltre 60 km da Boston.
Per l’epoca era un fatto straordinario ed eccezionale.
Il mattino seguente del 19 aprile gli inglesi sferrarono il loro attacco, tuttavia non trovarono una popolazione
inerme e imprenparata, tutt’altro, i coloni erano lì pronti ad aspettarli con le armi in pugno.
Gli inglesi presi in contropiede, forse per questo odiano il calcio all’italiana, furono sonoramente sconfitti
nella prima grande guerra dei coloni contro la corona.

PAUL REVER E’ L’ESEMPIO PIù FAMOSO DELLA PANDEMIA della volontà DA PASSAPAROLA.
Da un punto di vista di Marketing cosa ci insegna questa mitica cavalcata portatrice di Pandemia.
Primo Punto
LA NOTIZIA, il prodotto anche in sè CONTA, eccome SE CONTA.

Paul Rever portava una notizia di vitale importanza in quel momento, e direi quasi attesa.
Una notizia che era un prodotto straordinario e virale.
Il contenuto del messaggio Pandemico deve essere a sua volta pandemico, deve cogliere nel segno,
affinmchè ci sia il fattore presa.

Secondo Punto
Il contenuto del messaggio in sè non basta.
Nello stesso tempo di Rever un suo amico rivoluzionario il conciatore Dawes fece un altro percorso
per avvertire i coloni. Tuttavia non gli riuscì a diffondere la pandemia.
Nonostante il messaggio fosse lo stesso.
PERCHE’?
Un motivo assai valido dipende dal fatto che Dawes non era Rever.
Per diffondere una pandemia conta assai CHI porta il Messaggio.
la legge dei pochi è pue sempre una legge, deve rispettare alcune regole per
la sua attuazione.
Paul Rever possedeva tutta una serie di qualità personali, e sociali estremamente particolare e raro.
Assommava in sè le qualità che abbiamo studiato di connettore, venditore ed esperto di mercato.
Paul Rever conosceva migliaia di persone, era un imprenditore, un giocatore di carte, iscritto a molte
logge massoniche e rivoluzionarie ecc. ecc.
Insomma il tipico connettore con forti ascendenti da venditore era un imprenditore e un esperto di mercato
di cui fidarsi.
Inoltre aveva una naturale capacità di socializzare e di dialogare con tutti che lo rendeva empaticamente
molto accattivante quando trasmetteva i suoi messaggi.
Per questo la sua cavalcata e solo la sua risultò leggendaria.
Terzo punto
Il potere del contesto in questo caso ha avuto un ruolo determinante.
I coloni erano pronti per essere infettati da un messaggio simile pertanto appena
si resero conto del momento presero le armi e spazzarono via gli inglesi.
Possibile che questo però non sia stato valido per Dawes, ove magari nei luoghi passati
da lui il contesto non fosse pronto, giusto per giustificare l’insuccesso della sua cavalcata.
dopo il 1773 e la nascita dei Boston Tea Party il contesto era già molto bene indirizzato a
ricevere il la per una guerra contro gli inglesi. Essere attaccati lo rese necessario e non si fecero
pregare.

Questa storia che rientra nella leggenda che contribuì alla nascita degli Stati Uniti D’america
ci insegna quanto sia fondamentale il passaparola PANDEMICO.
Il messaggio e il messaggero risultano aspetti essenziali per la viralità pandemica.
Senza dimenticare il contesto con il suo potere, che in pratica dà il segnale di partenza.
Domanda
il come si espande il messaggio conta?
ovvero se Paul Rever si fosse affidato ad altri mezzi per avvertire i coloni avrebbe comunque funzionato.
Lo vedremo un’altra volta.

il potere del contesto ambientale: terreno ubertoso

Un terreno “ubertoso” per diffondere la Pandemia

Tutti noi siamo fortemente influenzati dall’ambiente, dal contesto in cui siamo immersi.

Siamo come dei pesci che nuotano in un mare di realtà che ci influenza e caratterizza ogni nostra azione, sia in modo consapevole e direttamente, sia in modo indiretto ed inconsapevole.

Tipico esempio sono alcuni esperimenti sociologi che hanno creato le condizioni migliori per la soluzione di un determinato problema.

A New York per tutti gli anni 70 e gran parte degli anni ’80 esisteva una criminalità diffusa e  incontrollabile. Le uscite serali erano ridotte al minimo, troppa paura di fare cattivi incontri. La Metro risultava off-limits per chiunque, a meno di chiamarsi Rambo ed essere Rambo.

Ad un certo punto però, i cittadini di New York si riappropriarono della loro città.

COME HANNO FATTO?

Semplice con piccoli ma significativi passi nella direzione giusta, a partire dal contesto. Prima di tutto la dirigenza della Metro, iniziò ad applicare quella che viene chiamata in gergo la teoria delle finestre rotte.

Questa teoria impone che ove si permetta un piccolo gesto contro la proprietà privata è facile che poi si compia un gesto eclatante contro un bene maggiore se non addirittura contro la vita stessa. In pratica se si vive in un ambiente ove regna l’indifferenza anche solo ad una semplice finestra rotta, alla lunga si accettano gesti via via sempre più forti.

Se invece si ripara con solerzia la finestra rotta il segnale è opposto, e spinge tutti a rispettare le regole della convivenza civile.

Ecco la soluzione che attuarono i dirigenti della Metro:

1- pulizia continua e perfetta delle carrozze della metro

2- far pagare il biglietto a tutti

3- controlli continui su tutta linea per far pagare a chi rompe

impiegarono 8 anni a regolarizzare il servizio, tuttavia alla fine si ebbe la meglio. La città a metà degli anni ’80 era fuori dal tunnel in cui si era cacciata.

Ci fu anche un episodio scatenante e che aiutò la città al risveglio. Un uomo bianco assalito da 4 tepppisti di colore reagì e uccise due di loro ferendo gli altri due. L’uomo fu assolto dai giudici, ricordate che siamo in USA in Italia i compagni magistrati sarebbe stato lui in galera, fu osannato dalle persone che vollero dimostrare a quell’uomo solidarietà e a se stessi che era ora di farla finita di lasciare la città ai teppistelli che poi si sarebbero trasformati in grandi criminali.

Per concludere sottolineo il fatto che il contesto conta, occorre curarlo per ottenere ciò che si vuole.

L’ambiente inteso in senso lato, significa anche la cura che si mette nel trasmettere il messaggio, non deve essere disambiguo, ma chiaro preciso   e veloce, deve essere compreso in modo spontaneo dall’interlocutore.Per diffondere una Pandemia politica occorre che i luoghi di diffusioni rispettino il messaggio che si intende trasmettere. Maggiormente il contesto risulta chiaro e identificato meglio il contenuto viene recepito e la Pandemia inizia a diffondersi.

Un ambiente ubertoso, che significa capace di essere fertile al massimo livello  ovvero capace di accogliere semi che cresceranno fino a diventare fiori che con il loro profumo invaderanno l’aria e con il polline trasportato dagli agenti diffonderanno la Pandemia Politica.