Netflix: strategia marketing pandemica. Cambiare per soddisfare i desideri

 

Oggi  riflettiamo  sulla ascesa di una impresa che ha cambiato Strategia di Marketing e prodotto, pur di  soddisfare  il desiderio delle persone.

La Mission  iniziale rimase la stessa, ma l’amministratore delegato, Reed Hastings,  si è dimostrato un grandissimo ANTROPOLOGO D’IMPRESA e ha cerato e creato NUOVE strade per soddisfare il desiderio delle persone .

Parliamo di

NETFLIX.

Nata nel 1996 come il principale  competitor dell’allora  leader del mercato della distribuzione degli audio-visivi BlockBuster.

Tutti noi, durante gli anni universitari,  abbiamo avuto la tessera per affittare le cassette dei film da blockbuster.

Questa impresa è stata per almeno un decennio  Leader indiscussa in tutto il mondo della distribuzione di dvd e giochi, con le famose tesserine magnetiche ed i primi rivenditori automatici.

 Ebbene Blockbuster nel  2013 è

Fallita!!

Con buona pace degli analisti  di borsa che poco prima, nel 2010 consigliavano con BUY convinti tutti gli investitori di borsa.

A tutti sembrava una azienda solida con possibilità di crescita infinita. hahahahahaha (leggete: Evoluzione e fine di Blockbuster) .

Invece negli stessi anni del successo di Blockbuster, Netflix era una minuscolo concorrente del leader.

Un competitor che fino al 2008 si sbatteva per fargli concorrenza. Proprio per questo il sig. Reed Hastings si è impegnato a sperimentare strade alternative per fare soldi soddisfacendo il desiderio delle persone di vedere i loro programmi preferiti in modo comodo ed economico.

H a pensato di cambiare strada e rischiare, anche in modo forzato, dato che il leader ti soffoca e alla fine schiatti se non cerchi valide e rischiose alternative.

 Reed Hastings ad un certo punto fu quasi

reed-hastings

sul lastrico e le banche, le solite in tutto il mondo, pensarono bene di offrire l’acquisto di Netflix alla  Blockbuster, per soli 50 milioni di dollari. Se fosse avvenuto sarebbe così sparito il Brand Netflix inglobato dal leader.

Invece inaspettatamente la leader di mercato si rifiutò di acquisirla. Così in qualche modo  Reed  Hastings portò avanti la sua Mission Pandemica :

rendere fruibile in modo facile  ed economica a tutti e ovunque i sogni dello spettacolo, film e televisione,

ma …. con un piccolo accorgimento.

Sfruttare quella che all’epoca, era il 2008, stava per diventare il modo con il quale le persone erano sempre collegate.

INTERNET

Infatti nel 2008 cambiò il prodotto.

Intuì e vide e capì

DA ANTROPOLOGO D’IMPRESA

 l’irresistibile ascesa del potere dello STREAMING 

che alcune persone GIUSTE CLICCA QUI

già adottavano  

GRAZIE A  INTERNET.

Percorrendo questa strada, che invece il leader Blockbuster ignorò,  divenne in pochi anni  la più grande azienda del mondo a distribuire prodotti on demand ( a richiesta pagando) poi con un abbonamento minimo, che ora si aggira sugli 8 dollari al mese (si vabbèe 7,99 per i patiti della psicologia spicciola, sempre 8 euro so!).

In pratica ti abboni e dai tuoi mezzi Pc, Imac, tablet ecc. ecc vedi i tuoi film preferiti o serie tv (Quste poi te le fa scaricare tutte d’un botto, senza aspettare settimana per settimana, fico no?).

Poi ulteriore salto di strategia per conseguire la solita  MISSION PANDEMICA.   ProNegli ultimi anni producono Loro le serie TV e anche alcuni film, famosa la serie House of Cards.

In modo Completamente DIVERSO e COINVOLGENTE per l’epoca, scatenando i nuovi e miglior i desideri NETFLIX sta avendo un grandioso successo.

:leggi._  il marketing e i desideri

Riassumendo:

 NETFLIX fa quello che faceva prima,

distribuisce divertimento alle persone, e contemporaneamente PRODUCE DIVERTIMENTO, per ora in modo eccezionale.

Ha in pratica raddoppiato il suo potenziale.

Step bY Step.

Successo IMPRESSIONANTE.

Dal 2008 a oggi quasi 50 milioni di abbonati negli USA E OLTRE 23 MILIONI di abbonati nel mondo.  In più di recente si è quotata e sembra intenda investire 6 miliardi di euro nei prossimi due anni per approdare in oltre 150 paesi tra cui l’Italia. 3 milioni solo grazie alle ultime serie.

Inoltre pensate un po’ con un sistema innovativo e organizzato ha ancora oltre 5 milioni di abbonati al servizio di consegna DVD: leggete  WIRED: Netflix continua a distribuire

E fa pure molti utili, anche se dicono anche questo settore si sta evolvendo verso nuove forme di supporti, comunque anche per i nostalgici delle coda lunga e …. marketing pandemico

Considerate che i ricavi sono 1,6 miliardi di dollari che l’utile sia pochino, “solo” 26 milioni di Euro, ma ciò che conta sono le potenzialità future. Queste sono state premiate dagli investitori con una ascesa del prezzo delle azioni impressionante negli ultimi mesi. Considerate che solo nei primi 6 mesi, Netflix ha ricevuto oltre 3 milioni di abbonati.

Grande Netflix.

E’  arrivato anche in Italia nel 2016  con abbonamento da 8 e 12 euro per Hd.

Domanda: AVRà SUCCESSO?

E CHI LO SA!! Le premesse ci sono tutte, i miei allievi si sono già abbonati, i vecchi forse arriveranno.

Non me la sento di dire che la Netflix avrà solo successi, tutt’altro. Non ragioniamo come coloro che giudicarono la Blockbuster.

Sempre in Campana.

La Netflix deve essere brava a produrre serie coinvolgenti, captare i segnali delle persone, e soddisfare sempre i nuovi desideri. State pur certi che comunque i concorrenti Reagiranno e  visto il successo nasceranno altro concorrenti che magari partendo dal lato creativo di produzione di serie tv potrebbero pensare di fargli le scarpe.

Insomma, ciò che ha fatto Netflix a Blockbuster potrebbe esser a sua volta a Netflix. Ecco perché le imprese, specie nel momento di grande successo devono sempre tenere a mentre lo schema Porter della concorrenza: cfr  la concorrenza arriva se hai successo .

Domanda: come reagiranno le TV italiane. Boh. Con la tv on DEMAND sia Sky che Mediaset sembra stiano tentando qualche cosa di simile.

DI sicuro ne vedremo delle BELLE

 

 

 

Una start-up siciliana a londra

Ieri ho letto questo bellissimo articolo e sono rimasto incantato a sognare che io o alcuni dei miei studenti o lettori possano avere la chance di realizzare qualcosa di simile.

Ecco il link dell’articolo : Sicilian street Food a Londra.

Ricordo che nei mie straordinari mesi a Londra sognavo proprio di portare a Londra i sapori delle Marche: pensavo che anche solo la nostra Porchetta (mille volte più saporita della sopravvalutata Ariccia)  od anche il salame Ciauscolo (che esportavo illegalmente nei miei anni di studi a  Venezia) potessero essere ampiamente un successono dalle parti della CitY.

Questi signori lo hanno fatto davvero, con i prodotti meravigliosi della loro terra, la Sicilia. Dicono di fare l’Arancino più buono di Londra e giudicar dall’immagine come dargli torto.

In questo link troverete indirizzo del sito internet ove viene ampiamente messo in risalto la notizia che Tripadvisor lo ha eletto miglior ristorante al mondo in pochi mesi dopo l’apertura.. 82 RECENSIONI E TUTTE 5 STELLE. Badate però che ci sono anche due recensioni con pessimo. wARNING direi.

Il sito Web di Etna Coffee. 

Quello che mi preme sottolineare sono gli aspetti di marketing che hanno reso vincente questa Mucca Viola con un Prodotto Stra-ordinario. Anno studiato pensate per 2 anni il modo di realizzare questa semplice idea-virus e alla fine la realizzazione ha trovato un finanziatore.

DUE ANNI di RICERCA prima DI Aprire

Come dico sempre agli start-upper, il TEMPO è una componente importante del business, che spesso non viene tenuta in considerazione a sufficienza. Tutti a elogiare il momento del successo, ma nel mentre dei due anni state pur certi che le hanno prese da tutte le parti. Inoltre bello il riferimento al fatto che l’agenzia finanziaria che ha dato i soldi lo ha fatto solo in prospettiva di crescita, ovvero se si fosse alla fine realizzata una catena di sicilian street food e non un semplice negozietto.

Ecco questo è anche un altro limite italiano, sia degli imprenditori sia dei finanziatori, specie le banche italiane che sono di una pochezza disarmante. Pensare in grande anche quando si realizza in piccolo. Prospettive di lungo termine sempre bene in mente e nella Mission soprattutto. Perché limitarsi?

 

In questo caso la MISSION è chiara e con ampi margini di espansione : Il Gusto succulento dei prodotti tipici siciliani nel mondo  

Pensate che assume solo personale Siciliano, proprio perché possano meglio trasmettere il prodotto.

La strategia quindi è stata quella di far assaporare ai londinesi i gusti tipici della terra siciliana, chissà magari sfruttando il successo che ormai da anni persegue il telefilm del commissario Montalbano. Infatti è la serie italiana più seguita da sempre in Inghilterra, e devo dire l’unica, se non per un breve successo della Piovra ma anni e anni fa.

Politica di Prodotto: chiediamoci è una mucca viola? un prodotto stra-ordinario. Di per se NO! In Italia poi specie in Sicilia sarebbe perfino BANALE, ma nel contesto scelto, come si presenta  con i siciliani a servire con lo slang tipico, in un posto che adora la sicilia grazie al telefilm Montalbano da sempre la serie italiana più seguita all’estero, Insomma tutta una serie di condizioni che rendono il prodotto in se Banale un prodotto  Stra-ordinario. Ripeto, se aprisse a Palermo dubito che avrebbe successo a 4 euro ad arancino.  Quindi per rendere un prodotto straordinario non è necessario avere il prodotto in se  per se unico, ma tutto concorre a renderlo stra-ordinario, non ultimo il nome (ricordiamo il caso del pane, s semplice pane, che il solo fatto di avere la P impressa sopra di Poulen, del panificio, è diventato il Pane glamour di parigi, ed era  un semplice Pane.)

Politica di Prezzo Basso di penetrazione  basso, circa 2,90 (circa 4 euro)  sterline ad arancino rispetto ai 4 dei concorrenti.

Politica dei fornitori studiata nei minimi particolari per mantenere qualità e prezzo e sicilianità. Solo dalla Trinacria e con tecnica all’avanguardia per mantenere il gusto siciliano.

Brand Awareness: fondamentale e azzeccattissimo Logo secondo me. fondamentale da curare sempre e sempre di più.

Comunicazione Aziendale, non sappiamo nulla. Immaginiamo però che il buzz marketing qui abbia sicuramente sbaragliato tutti gli altri mezzi messi in campo.

Solo un piccolo appunto riguarda il design del locale. Secondo me non avuto il coraggio di seguire il brand ovvero Etna  coffee, e magari rivisitarlo in chiave moderna. Così come è mi sembra un po’ banalotto e simili ai suoi concorrenti, specie francesi. Ma visto il successo è una critica da intellettualoide.

interno del negozio in victoria arcade london

Posizionamento perfetto direi, chiaro riferimento alla Sicilia e target del pasto frugali colpiti al cuore in pieno centro a Londra

Insomma un perfetto  Marketing Pandemico (o quasi, ricordatevi che l’ottimo è pessimo)  per un attività imprenditoriale di successo ma …. a Londra. Ove in brevissimo tempo hanno ottenuto le autorizzazioni e i finanziamenti per crescere quanto meritano.

Nulla a che vedere con quanto si possa fare in Italia, ma … qualche cosa vedremo anche qua da noi si può fare nei prossimi post. seguitici.