Antropologo d’Impresa: MARKETING Strategico PER ti diventare BRAND.

Ma di preciso cosa fa un

Antropologo d’impresa

Se avessi avuto  un euro  per tutte le volte che me lo sono sentito chiedere, oggi avrei un cospicuo gruzzoletto di denaro in più.

Devo ammettere che spiegarlo non è facile, specie cercando di evitare, come è mia intenzione le banalità e le negatività di alcuni stereotipi.

Strategie di Marketing, Consulente aziendale di  marketing, comunicazione aziendale, branding ecc.ecc.

Ho partecipato ad un interessante Meeting con alcuni professionisti. In questo incontro tutti si sono dovuti presentare in pochi secondi, meno di un minuto. Io tremavo all’idea di dover condensare ciò che faccio per le imprese in poche parole a chi non è avvezzo a termini tecnici. Si anche io soffro della MALEDIZIONE DELLA CONOSCENZA.

Io so quali Strategie di Marketing  posso offrire, ma coloro che mi ascoltano lo Capiscono?

E’ questa la domanda che mi girava in testa. Ho deciso di puntare tutto sugli obiettivi che l’impresa o il professionista potrebbe raggiungere se avesse il coraggio di affidarsi ad un ANTROPOLOGO D’IMPRESA ed il suo Marketing STRATEGICO.

Obiettivo: ampliare e consolidare il proprio mercato, conoscer meglio i propri clienti in modo da rendere sempre più forte il loro legame.

Tuttavia era ancora insufficiente a spiegare bene il COME potevo raggiunger questo obiettivo.

Mi giunge in soccorso il coordinatore del meeting, che non a caso è un bravissimo Linkedin Manager, che spiega in due parole la mia attività e dice :

VI AIUTA A DIVENTARE

BRAND 

WOWW,

io in un minuto non sono riuscito a farmi capire dagli astanti, lui in 2 secondi ha perfettamente riassunto il mio potenziale. E ci ho pensato per giorni interi prima.

EBBENE SI!!

L’ANTROPOLOGO D’IMPRESA

TI AIUTA A

DIVENTARE

BRAND 

Con una Marketing Strategico Pandemico

Sottotitolo:

SE NON SI DIVENTA UN BRAND

NON SI è CONOSCIUTI E

SE NON SI è CONOSCIUTI SI è IGNORATI

SE SI è IGNORATI

NESSUNO DIVENTA TUO

 CLIENTE e QUEL CHE è PEGGIO

NON RIMANE CLIENTE.

Come dice Tom Kelley riportato in questo post clicca qui :

  IL MARKETING STRATEGICO  

dell’antropologo sono principalmente i seguenti: 

  1. Ricercare le novità sia dei concorrenti che dei potenziali concorrenti;           

    La ricerca,questa sconosciuta, fondamentale per il marketing pandemico

  2. Rendere il prodotto una MUCCA VIOLA : Come si realizza la mucca viola sconfiggendo la sindrome del bar.
  3. Osservare ed intuire i desideri delle persone;

     Antropologo scopre i desideri delle persone per offrire innovazione: l’ascolto dei clienti non basta.

  4. Testare i prodotti/servizi da…. cliente, ovvero immedesimarsi nel cliente far migliorare il servizio al cliente oggi più che mai decisivo.   leggi :

     Servizio al cliente fondamentale per il retail.

  5. Posizionamento nella mente delle persone e  che penetri nelle menti delle persone :      La Tua Mission ti aiuta nel Posizionamento del tuo Business: tratto dal nostro e-book in uscita a dicembre
  6. Sperimentare nuove soluzioni e  Sollecitare il trial and error, ovvero, a tentare sempre nuove strade sapendo che molte saranno senza sbocchi, ma le poche che lo sono ….. saranno assai fruttuose.

    startupper-crea-con-otaku-oltre-la-tradizione/

  7. Preparare l’impresa all’arrivo del 

    CIGNO NERO

  8. COMUNICAZIONE PANDEMICA verso le persone giustela Promozione Pandemica e contagiosa 

A ben Vedere tutto questo serve solo ed esclusivamente ad una COSA :

VALORIZZARE IL BRAND 

I prodotti che si vendono, così come i servizi che si offrono prima o poi muoiono, mente è il BRAND che ha vita molto più lunga nella memoria delle persone. Ricordi il caso Kodak????!!!

IL BRAND HA UN VALORE INESTIMABILE

MENTRE

IL PRODOTTO PRIMA O POI MUORE!!!

Oggi ho letto questa bella frase su un post DelLA Pambianco Food che esaltava un mio bravissimo Compaesano che vende Pasta, di ottima qualità , ma ha avuto l’abilità e la bravura di diventare

UN BRAND, ANZI IL BRAND DELLA PASTA ASCIUTTA.

Si tratta di MANCINI  e della sua Pasta che è ormai diventata una basta Chic. Ecco il post: clicca qui ed ecco la frase che riassume il concetto che voglio farti capire:

“Il giro d’affari di Mancini Pastificio Agricolo è cresciuto intanto da 200 mila a 2,5 mi
lioni di euro, ma quel che conta di più è la marginalità misurata in ebitda, che varia tra il 15 e il 20% del giro d’affari, cifra impensabile nel mondo dell’agricoltura.

La storia di Mancini dimostra che un futuro in agricoltura è possibile se
si investe in brand e reputazione,
puntando su una distribuzione selezionata tra ristorazione di qualità e negozi specializzati.

Alla base, naturalmente,

occorre la qualità del prodotto.”

Io direi meglio , alla base occorre un PRODOTTO STRA-ORDINARIO,  detto da me una MUCCA VIOLA, ma a fianco occorre

DARE  VALORE AL TUO BRAND

e questo è

LO SCOPO ULTIMO DI

UN ANTROPOLOGO D’IMPRESA.

L’oceano Blu dei videogiochi grazie a Nolan Bushnell e l’innovazione di Valore della Atari

In questi giorni di afa estiva sto leggendo un interessante libro di Isaacson sulla storia degli innovatori che hanno permesso la creazione del mondo digitale in cui siamo immersi. 

Il libro si intitola “gli innovatori” e segue la tesi che grazie alla connessione di centinaia di menti creative si è arrivati ad avere il mondo digitale ed internet. Molte persone hanno contribuito a realizzare il nostro futuro.

Dan Edwards e Peter Samson giocano a Spacewar , nel 1962 al MITtribuito nel loro piccolo o grande a realizzare le innovazione più sorprendenti.  Consiglio vivamente la lettura.

Mi ha particolarmente colpito il capitolo dedicato ai Videogiochi. Qui si racconta come il primo videogioco di un certo successo fu SpaceWar . Il gioco frutto di moltissime menti, ebbe tra i “nerd” universitari un notevole successo.

Tra quesi un giovanissimo Nolan Bushnell studente di ing. che ci giocava praticamente sempre e anche di notte.

Lavorava nei parchi giochi per pagarsi la retta, e a contatto con le persone che andavano a divertirsi evidentemente assorbì i desideri esposti o latenti dei desideri delle persone che volevano giocare leggi qui.

Egli fu, è e sarà sempre un grandissimo

ANTROPOLGO D’IMPRESA,

studiava le persone e sé stesso

per capire come meglio poter soddisfare i loro desideri. 

Egli  aveva

Lotaku del gioco,

ed ancora oggi ce l’ha!!

Isaacson dice di lui che :

“Nolan Bushnell divenne uno degli  innovatori

capaci di trasformare

una invenzione in una industria di successo.”

SCOPRì

UN OCEANO BLU

SCONFINATO 

leggi qui

Come spesso accade il primo passo da imprenditore di Nolan Bushnell fu quella di migliorare e perfezionare ciò che aveva provato in modo che potesse essere profittevole. Allora ideò Computer Space, migliorando Spaceware in modo assai intelligente e pratico  e lo vendette ad una impresa che già aveva un mercato con un videogioco tipo quiz, si chiamava Cutting Associates.

Bushnell scopre in quel periodo, da subito di aver concorrenti, due pazzoidi con l’Otaku  di Spacewar  i quali avevano creato un gioco che si chiamava Galaxy Game, segno che se vai nella direzione giusta, devi aspettarti che ci siano o arrivino concorrenti, leggi qui.

Tuttavia in questo caso i due erano sì geniali, ma non imprenditori e quindi al costo di un quarto di dollaro il loro videogioco non si sarebbe mai ripagato, pertanto la loro VALUE INNOVATION era scarsa E ovviamente L’IMPRESA FALLì.

I due dissero ad Isaacson:” Io e Hug eravamo ingegneri e non prestammo attenzione attenzione all’aspetto economico” , 

( cosa che spesso vedo e leggo tra gli startupper odierni, in pratica grandi inventori ma …. il Business dov’è?).

Così commenta Isaacson; ” Scintilla della innovazione può scaturire dal talento ingegneristico, ma deve combinarsi con le competenze imprenditoriali per dare fuoco al mondo”.

Capito cari amici Startupper!!!!

Potete anche aver una Idea Imprenditoriale, una MUCCA VIOLA, ma poi occorre che gli si dia VALORE e che possa così diffondersi prima possibile a una platea sufficiente e profittevole con una comunicazione aziendale  e una distribuzione ottimale e il prezzo e….

INSOMMA UNA SINERGIA DI

TANTISSIMI FATTORI CHE SI DEVONO ARMONIZZARE

Bushnell fu in grado di essere imprenditore oltre che inventore e visionario.

Con 1000 dollari produsse Computer Space, ne vendette circa 1500 con un profitto di oltre il 20%. Tuttavia il videogioco interessava solo i bar studenteschi e non i più redditizi ritrovi delle persone comuni con un mercato più ampio. In pratica una nicchia troppo piccola per poter essere navigata con profitto.

Tuttavia egli comprese le potenzialità dei videogiochi da piazzare nei ritrovi giusti stimolando il desiderio delle persone. Capì che occorreva il videogioco giusto. E così   Lasciò la Nutting e fondò la sua società con il nome che diventerà poi MITICO per tutti noi .

ATARI

27 giugno 1972 atto di nascita di questa impresa. Inizio della navigazione in un oceano BLU.

Ma secondo voi perché la Nutting o altri competitori non riuscirono a fare ciò che fece Bushnell???

Considerate signori Startupper che  i finanziatori in particolare le Banche compresero fin da subito che si era aperto un Oceano Blu? 

ASSOLUTAMENTE NO!!!!

Voi avreste dato i soldi nel 1972 a
questi signori qui accanto  che stavano per lanciar una cosa mai vista prima?

Ebbene come sempre accade alle Start-up di ogni epoca e Nazione (Italia caso a peggiore del Mondo), la Atari ebbe fin da subito enormi problemi di credito.

Come ebbe a dire Nolan Bushnell:

” Progettare il gioco è stato Facile.

Far crescere l’azienda

SENZA SOLDI

è stata la vera impresa.”

pag. 217

Il grande primo videogioco che  inaugurò l’OCEANO BLU di un Mercato Nuovo e che fu una MUCCA VIOLA tra Mucche Grigie  dei Flipper fu il

PONG!!!

Chi della mia epoca non ci ha passato intere ore a giocarci???  Si dice che lo avesse copiato dalla Magnavox, la quale gli fece causa e poi si accordarono , ma solo dopo che il prodotto ebbe una diffusione eccezionale in quanto la Magnavox non era proprio riuscito a scovare l’Oceano Blu. Sta di fatto che il prodotto realizzato dalla Atari era ideato e risultò un grandissimo successo commerciale mentre il Magnavox in 3 anni vendette in tutto i paesi serviti 300 mila pezzi.

Esordio con Prova, come sempre suggerisco,  fu al Bar Andy Capp. Il giorno dopo che fu installato il proprietario chiama la Atari lamentandosi che il gioco si era inceppato, e che stava riscuotendo un discreto successo, molti ci volevano giocare  e quindi occorreva ripararlo con urgenza. Andarono subito e scoprirono che il gioco NON ERA ROTTO ma che si era inceppato a causa delle troppe monetine!!!

Rispetto ai Flipper, che all’epoca la facevano da padroni nei  pub  ce ne erano a Iosa, il pong incassava 4 volte tanto, per fare un esempio. Un buon flipper incassava 10 dollari al giorno, il PONG 40 DOLLARI al giorno.

All’inizio Bushnell offri il gioco a un distributore di Flipper, Che rifiutò!! Meglio così fu per Atari.

Decisero di costruire i primi PONG da soli. Costo 280 dollari a macchina per rivenderlo prima a 900 dollari, poi dato il successo a 1200 dollari.  E gli acquirenti MOLTO contenti in quanto la novità attirava le persone e incassavano 4 VOLTE tanto. (1200 dollari diviso 40 dollari, in poco tempo veniva ripagato).

Cari Startupper ecco la giusta proporzione, costo 1 vendita almeno 3 meglio ancora più di 4.

In pratica su 900 dollari tolti i costi di 280  la Atari incassava 620 dollari a macchina.

TAHT’S BUSINESS

Pensate che di fronte a questi dati trovò soldi facile.

MANCO PE GNENTE!! si dice dalle mie parti.

Una piccola banca gli diede quasi a strozzo 50 mila dollari, un decimo di quanto chiedeva per realizzare in serie le macchine e commercializzarle e pubblicizzarle. Riuscirono a realizzare in serie il PONG e vendettero MIGLIAIA E MIGLIAI DI PONG in tutta l’America.

STAVANO NAVIGANDO IN UN OCEANO BLU

CON IL VENTO IN POPPA.

Ma prima che si potesse trasformare in ROSSO con l’arrivo dei competitori nel 1975 introdussero la console per giochi da casa la mitica ATARI 2600. (ce l’ho avuta anche io circa nel 1979, ricordo con molta emozione la scatola). E la Atari divenne la ATARI ma…. questa è un’alta storia.

Voglio condividere un link con una bellissima intervista a questo Grande IMPRENDITORE VISIONARIO Bushnell. Realizzata nel 2013 da Wired leggi qui. 

Concludo con un estratto di una sua risposta che possa essere da stimolo agli startupper :

“Il fare ininterrottamente. Come diceva Winston Churchill,

l’innovazione è passare da un fallimento

all’altro senza perdere entusiasmo.

In altre parole,

l’unico modo per avere una grande idea è averne molte,

dedicarsi a progetti diversi senza paura di fallire.

Ho mancato più di una volta il bersaglio, in tre o quattro casi clamorosamente, ma le persone ricordano solo i miei successi. Il mondo non associa Jobs a Apple III, o Lisa, ma a iPhone e iMac. Il segreto è non stancarsi”.

Se avete bisogno di Un antropologo di impresa sono a vostra disposizione :

porlandi05@gmail.com

Startupper preparati a dare il massimo per la tua impresa. Il successo è questo. Due grandi allenatori lo insegnano

John Wooden, a noi italiani dice poco o nulla, forse agli appassionati di basket risveglio la loro memoria storica, mentre negli USA è una leggenda di Allenatore.

Traggo sempre spunto dal magnifico libro di Farson-Kies
che ho già ampiamente trattato nei post precedenti QUI E QUI.

John Wooden ha vinto ben 10 titoli del campionato dei College di Basket NCAA di cui 7 consecutivi. Record su record delle sue squadre, mai disfatte.

Quale il suo Insegnamento di Base che impartiva ai suoi giocatori?

 

SEMPLICEMENTE QUESTO:

“LA  DOMANDA GIUSTA NON è:

HO VINTO?     HO PERSO?

LA DOMANDA GIUSTA è :

HO DATO IL MASSIMO?

E’ questo che conta, tutto il resto è marginale”

j. wooden

La destinazione conta più del viaggio, ed anche il MODO con il quale si compie il massimo dando tutto se stessi per viverlo al meglio e donare a se stessi ed agli altri il massimo che possiamo offrire in quel momento.

Per questo NON CONTA se si vice o si perde, LA VITTORIA è il sottoprodotto dell’ATTEGGIAMENTO da metter in campo senza mai avere rimpianti.

La preparazione al GIOCO è fondamentale, il risultato della partita un semplice sottoprodotto.

“Ho capito che sotto il mio controllo non c’erano le vittorie o le sconfitte. Sotto il mio controllo c’erano la preparazione personale e dei ragazzi della squadra. Io giudicavo il mio successo, la mia “vittoria”, in base a quel parametro…. Ero convinto che se ci fossimo preparati a fondo avremmo fatto un’ottima gara. Se poi vincevamo, tanto meglio; sarebbe stata la ciliegia sulla torta.                                                                MA non mai pensato che la torta coincidesse con la vittoria.”   

J. Wooden estrattio dal libro “vince chi fa più errori” pag. 99

Un altro immenso grande allenatore USA è stato un italo-omericano, secondo la sua bio molte volte agli inizi osteggiato proprio per la sua origine italiana, VINCE LOMBARDI.  Allenatore mitico di Football Americano dei leggendari Green Bay Packers, con i quali vince 3 titoli di Superbowl e svariati piazzamenti. Ebbene in Italia è tristemente famoso per un frase divenuta patrimonio di una squadra di calcio della famiglia più influente del nostro paese. La frase di cui si sono appropriati è questa:

“La vittoria non è tutto.

E’ l’unica cosa che conta”.

Purtroppo però questa frase NON è esattamente quello che Vince Lombardi aveva detto ecco sempre da libro a pag. 100 cosa invece disse:

” Vengo sempre citato per la mia frase

“Vincere non è tutto: è l’unica cosa che conta”.

In realtà ho detto un’altra cosa

“Vincere NON è TUTTO:

quello che  conta è fare ogni sforzo per vincere “.

V. Lombardi 

Direi che è ABISSALE la differenza tra quello che è stato trasmesso nel corso del tempo e ciò che il grandE allenatore impartiva nelle sue lezioni e nei suoi allenamenti.

La vittoria NON è il fine, ma un mezzo, il fine era il gioco che sia fatto dando ognuno il meglio del meglio che potesse dare.

Questi due esempi che ho voluto presentarvi mi hanno particolarmente  impressionato, sia perché adoro lo sport, quello verace, pugnace e …. sportivo in particolare di stampo americano, sia perché penso possa essere d’aiuto a  chi fa impresa o inizia a farla o a un sogno da realizzarla per farla o per gli Startupper tutti.

Quale è l’insegnamento da trarne per chi intende aprire un proprio mercato.

1- Preparazione: entrambi i due allenatori ponevano massima enfasi sulla abnegazione e disponibilità dei propri atleti a dare il massimo, senza risparmiarsi, anche negli allenamenti. Questo faceva si che la loro mente era già predisposta al massimo quando si giovava la gara. Si raccontano di mitici e durissimi allenamenti ai quali Vincent Lombardi sottoponeva i suoi atleti. Ne piegava la “volontà” per il bene loro e della squadra. La preparazione appare come la base essenziale per ottenere i risultati futuri. Per creare una impresa questo si evince in ricerca , realizzare prodotto Stra-ordinario  , essere ANTROPOLOGO D’IMPRESA

Ecco il secondo aspetto, l’importanza del gruppo, tutto deve essere finalizzato nel realizzare i bene del tuo e degli altri. Il team deve essere valorizzato affinché sia unito e coerente con gli obiettivi.

La Mission

della Start-up o delle Impresa

deve essere permetta dal tutto il team aziendale, altrimenti

NON HA NESSUN VALORE.

2- Esecuzione al massimo delle tue possibilità. Ovvero mettere in pratica la vostra Mission, il prodotto stra-ordinario che NON deve essere perfetto, ricorda Godin ottimo è pessimo leggi qui pertanto metti in pratica al meglio quello che hai pensato di realizzare con tutta la passione che hai e cerca di comunicare alle persone giuste che come te possano apprezzare il tuo prodotto leggi qui

3- Il fallimento in sé dunque NON è contemplato, leggi qui  in quanto se hai dato il massimo il resto non conta. Pertanto se hai la coscienza a posto e ti ritrovi con un business che non funziona

NON SEI TU CHE HAI FALLITO

MA E’  IL BUSINESS CHE HAI TENTATO a FALLIRE

PERTANTO NON RESTA ALTRO CHE RITORNARE

AL PUNTO DELLA PREPARAZIONE E RIPROVARE

4- Il successo è solo un sottoprodotto degli aspetti precedenti. Tutti i grandi personaggi raccontano di come il loro successo sia un prodotto di quanto lo ha preceduto, NON era il fine per la quale hanno iniziato la loro avventura. Tanto è vero che non raccontano mai l’oggi ma solo del loro passato beato durante gli anni del percorso.

Concludendo mi metto in gioco con voi, impariamo dai grandi maestri allenatori, preparamici e realizziamo al massimo quanto abbiamo preparato, infischiandosene di coloro che remano contro e sono tanti come sapete.

BUON VIAGGIO A TUTTI E SE AVETE BISOGNO DI UN AIUTO CONSIGLIO O INCORAGGIAMENTO

O PROFESSIONISTA DA

Antropologo d’impresa per il Marketing Pandemico

Sono qui 393 5561322

 

Startupper crea il TUO mercato contro tutti e contro tutte le banalità, gli errori sono il concime del successo.

 

POST DEDICATO

a tutti gli IMPRENDITORI

(oggi si chiamano anche STARTUPPER)

presenti passati e futuri 

  • Se desideri far volare il tuo business e  magari i  primi tentativi sono stati poco….. riusciti
  • Se desideri conquistare il TUO mercato contro tutti e contro tutto

allora sappi che

SEI SOLO

Sarai Sempre SOLO

o…. …..poco più.

Se sei credente ti consiglio di affidarti alla forza dello SPIRITO SANTO che possa illuminare le tue azioni e farti discernere ben bene le tue azioni imprenditoriali. e a San Giuseppe Patrono dei lavoratori

Tuttavia sappi che

NON ESISTONO RICETTE FACILI

e

FACILMENTE REPLICABILI.

non farti impallinare dagli imbonitori.

Occorre ovviamente fare tanta ricerca, leggi qui  sperimentare, farsi venire qualche buona idea intuitiva per un prodotto stra-ordinario,  comunicare lo straordinario per diffondere il prodotto e farsi la propria domanda ,  immergersi completamente nella tua nuova attività desiderata.

SII UMILE

e dove pensi di essere carente cerca E seleziona le persone giuste che possano aiutarti a creare il tuo mercato, magari con un

e grazie ai PROFESSIONISTI DI 

La Passione deve guidare le tue azioni, devi avere l’OTAKU per il prodotto che andrai a proporre o assumere persone che lo hanno e tu organizzare l’attività.

Rispondi a questa semplice domanda:

  • Acquisteresti il pane da un panettiere che a casa sua mangia il pane di altri?

Oppure

  • Acquisteresti un paio di scarpe da un calzolaio che indossa per sé le scarpe di un suo concorrente?

Oppure

  • Acquisteresti un vino da una persona che invece beve solo vino di altri.

IO NO!!

Gli imprenditori di successo ADORANO il loro PRODOTTO e lo Promuovono sempre e comunque spesso sono identificati con il loro prodotto in modo simbiotico!!! Si vede ad occhio nudo quanto lo amano, lo accarezzano lo coccolano, come se fosse un figlio e forse più di un figlio, a volte si arriva anche a trascurare la famiglia.

Immaginate se  dopo un lungo ciclo di vita, anche lunghissimo, il prodotto tende a ….. a morire!!!

Cosa accade a questo imprenditore ?

L’ambiente delle persone italiane apprezzano i fallimenti dopo una vita di successi?

Oppure  si è additati a vita?

Inutile negare che molti non resistono a questa …. fine, ma è assolutamente fisiologico ed anzi è la base dei successi d’impresa. Resistono coloro che sanno sempre aggiunger prodotti straordinari in modo più possibile continuo. vedi es. FerreroEnrico Piaggio.

Molteplici quindi  sono le difficoltà dell’imprenditore,

MA

il principale OSTACOLO

che si deve superare è sempre lo stesso  sia che si presenta all’inizio della avventura imprenditoriale sia che si presenta  durante l’impresa:

  • All’inizio della START-UP il problema è ottenere la fiducia delle persone che devono acquistare il prodotto e iniziare a parlarle se soddisfatti in modo che altri e sempre più possano acquistarlo, di modo che possa ampliarsi il mercato, non solo, che possa anche essere remunerativo. Le prime prove di volo  sono spesso fallimentari e così il tuo  Business INVEVITABILMENTE si sfracella al suolo e spesso tu con lui. non riuscendo a conquistare la fiducia delle persone con un mercato troppo ristretto. Si deve cambiare sempre fin a quando si apre il mercato. Non arroccavi troppo su posizioni perdenti, cambiate sempre, mettete in pratica le vostre proposte e se funzionano continuate altrimenti cambiare tutto. leggi qui
  • Allo stesso tempo capita a chi ha saputo far volare in alto il proprio Business, ottenendo buoni risultati  ma che prima o poi incontra difficoltà di vario genere ottenendo lo stesso risultato: caduta libera al suolo. Specie se si affida alla celebre frase: abbiamo fatto sempre così, cambiare è rischioso.

IN ENTRAMBI I CASI NON POSSIAMO DIRE CHE ESISTE UNA RICETTA INFALLIBILE che consenta di superare l’ostacolo,

TUTTAVIA POSSIAMO indicare un Suggerimento di base che credo aiuti a mettersi nell’ottica giusta per superarlo.

Questo FAMOSISSIMO  racconto del

Tacchino di Bertrand RUSSEL

penso possa essere utile:

« Fin dal primo giorno questo tacchino osservò che,

nell’allevamento in cui era stato portato, gli veniva dato il cibo alle 9 del mattino.

 E da buon induttivista non fu precipitoso nel trarre conclusioni dalle sue osservazioni e ne eseguì altre in una vasta gamma di circostanze: di mercoledì e di giovedì, nei giorni caldi e nei giorni freddi,                                     sia che piovesse sia che splendesse il sole.

Così arricchiva ogni giorno il suo elenco di una proposizione osservativa in condizioni più disparate.

Finché la sua coscienza induttivista non fu soddisfatta ed elaborò un’inferenza induttiva come questa:

Mi danno il cibo alle 9 del mattino”.

Questa concezione si rivelò incontestabilmente falsa alla vigilia di Natale,

quando, invece di venir nutrito,

fu sgozzato.[1] »
Bertrand Russell, 1912

Ecco da questo piccolo racconto penso possiamo capire come sia importante che l’Imprenditore o lo Startupper NON GUARDINO SEMPRE TROPPO A QUELLO Già FATTO MA RISCHINO CONTINUAMENTE E PERCORRINO SEMPRE NUOVE STRADE.

 NON RAGIONATE COME IL TACCHINO!!!!

PERCHè

SE LO FATE

vi ASPETTA LO SGOZZAMENTO DEL TACCHINO A NATALE

La fine del tacchino che diceva: tutti i giorni mi danno da mangiare alle 9

Si deve aver il CORAGGIO di PENSARE E SPERIMENTARE IN MODO CREATIVO E CANCELLARE I SUCCESSI ED I FALLIMENTI ALLO STESSO MODO DI COME FA UN TENNISTA, il quale  si allena a cancellare dalla mente subissimo sia il punto appena conquistato brillantemente sia l’errore. E riparte con memoria azzerata, o almeno dovrebbe. ( io sono stato un pessimo tennista in gioventù).

Non SEGUITE LA TRADIZIONE 

CREANE UNA TUTTA TUA.

Come accennato spesso in questo Blog In Italia NON esiste la cultura della sconfitta, ecco forse spiegato il motivo per il quale l’Italia non ha la cultura dello Sport alla base del quale c’è la Accettazione della sconfitta. Ti senti dire la  classica frase: “TE L’AVEVO DETTO”, pari a quella che i nostri cari maestri e professori ci dicevano a scuola “TU NON COMBINERAI MAI NULLA DI BUONO”, (per non dire che spesso tale frase te la dicono in faccia i più stretti familiari e così autostima ADDIO) o i professori a scuola.

Chi fallisce nel campo economico trova assai difficoltà ad avere una seconda chance, cosa che in invece in Stati Liberali Occidentali il fallimento è visto, se non commesso con la frode, come una fondamentale esperienza per il futuro successo.

Proprio ieri un professore di Pedagogia ci ha raccontato un aneddoto.

Un Monaco del Monte Athos riceve una persona che vuole  confessarsi. Questi piange e vomita al monaco i suoi peccati con vero pentimento, non riesce a consolarsi di quantierrori abbia potuto commettere. A questo punto il Monaco risponde così: ” Su coraggio, fatti forza il Signore è Misericordioso,

i tuoi peccati sono come il 

 

LETAME CHE CONCIMA

LA Pianta della MISERICORDIA DI DIO”.

Ecco allo stesso modo gli errori dovuti ai rischi da assumere

SONO IL CONCIME DEI FUTURI SUCCESSI.

L’unica cosa fondamentale che conta è :

                             “DAI SEMPRE  IL MASSIMO DI TE STESSO

PER LA PASSIONE DELLA TUA IMPRESA O START-UP

E PER ILTUO OTAKU

IL RESTO NON DIPENDE DA TE”

 

di questo parleremo nel mio prossimo post.

Stay tuned