Perso il vecchio arriva il nuovo paradigma, potenziato dal Marketing del Passaparola

paolo orlandi

Il mondo ha subito un brusco cambiamento, forse un cigno nero, pur tuttavia occorre guardare oltre con assoluta positività. L’articolo del Dott. Riccardo Ruggeri, Fare Business nel Post Virus,  è illuminante e stimolante. Scritto da un importante EX dirigente d’azienda che sa come si fa Business, offre una breve e lucida analisi per ripartire con un cambio di paradigma.

Continua a leggere “Perso il vecchio arriva il nuovo paradigma, potenziato dal Marketing del Passaparola”

Il passaparola del tuo successo si propaga come un virus.

In questi giorni stiamo diventando esperti di virus e delle sue modalità di diffusione. Il Marketing del Passaparola sfrutta proprio questo fenomeno per diffondere un prodotto contagioso e scavalcare il punto critico in modo da renderlo inarrestabile, secondo la nota teoria di Malcolm Gladwell, ampiamente descritta nel mio libro: Come acquisire clienti con il PASSAPAROLA

 

come trovare clienti con il passaparola
Come acquisire nuovi clienti con il Passaparola

Continua a leggere “Il passaparola del tuo successo si propaga come un virus.”

Omaggio ad Angelo Motta: genio imprenditoriale dal PaNettone al….Buondì.

Il 26 dicembre del 1957 saliva alla casa del Padre il grande Imprenditore Angelo Motta, che ci ha regalato il dolce natalizio per eccellenza: Il Panettone.

Ripercorriamo la sua straordinaria storia dal punto di vista del Marketing del Passaparola.

Angelo Motta: il Panettone Mucca Viola Angelo Motta

100 anni fa, era il 1919, Angelo Motta fondava la sua azienda che prendeva il suo nome e che diventerà un colosso della imprenditoria dolciaria mondiale: MOTTA

Cento Anni fa nacque come un piccolo laboratorio di panificazioni e dolci, che lavorava per lo più conto terzi, ottimizzando le materie prime razionate in modo efficiente. All’epoca solo a MiLANO e dintorni se ne contavano  oltre 100 di questi laboratori, ma solo Angelo Motta (forse insieme al sig.Alemagna) si impose a livello industriale. Come ha fatto a scavalcare il punto critico? Quali strategie ha messo in atto per aprire il suo mercato e diffondere la pandemia del panettone che lo ha reso celebre  ed ottenere sempre più clienti?

Ripercorriamo la sua storia rimarchevole. Un omaggio ad Angelo Motta ed al contempo uno stimolo ai coraggiosi e incoscienti che volessero imitarlo. Egli prese le decisioni strategiche che io modestamente cerco di trasmettere ai miei alunni nei corsi di formazione o alle consulenze che impartisco.

Pagina celebrativa 100 anni Angelo Motta

La Storia degli inizi di Angelo Motta.

C’era una volta una famiglia povera, con ben 5 fratelli. Così povera da non potersi permetter di far studiare i propri figli. Siamo all’inizio del ‘900, ed Angelo, il terzo dei fratelli, aveva poco più di 10 anni,  viene mandato a lavorare da un bravo artigiano panificatore di Gessate, amico di famiglia. Qui impara i primi rudimenti dell’arte della panificazione e della lievitazione. Poco dopo, la sua intelligenza e bravura organizzativa lo porta a diventare a 17 anni capo pasticciere presso un caffè molto noto di Milano. La famiglia lo raggiunge e arrivano i primi…. soldi, si fa per dire. Purtroppo il periodo storico non è dei migliori e Angelo è chiamato alla leva militare, insieme al fratello. Per grazia lui combatte senza conseguenza, non invece il fratello minore che invece morirà in un assalto al nemico. Torna dopo la guerra e con le 700 lire del congedo, insieme ai risparmi della mamma 250 lire, acquista macchinari di un panificio fallito ed inizia la sua avventura di imprenditore, lavorando per conto terzi in modo da ottimizzare le poche materie prime del periodo. Esattamente 100 anni fa, era per l’appunto il 1919.

Tuttavia il bello arriva ora.  Egli intuisce che deve fare un qualcosa di diverso dagli altri, arricchendo magari un prodotto molto richiesto all’epoca, detto pan de Toni. Decise di  trasformare questo storico pane in qualcosa di  soffice tramite la lievitazione di cui era diventato padrone in gioventù: nasce il Panettone così come oggi lo conosciamo. Siamo nel 1921.

il Kulish tipico dolce pasquale russo

L’ispirazione gli venne, secondo il resoconto di un esulo russo di MILANO, quando  nel 1919 gli fu commissionato ben 200 Kulish, tipici dolci pasquali Russi. Molto ma molto simili all’attuale panettone.

(Il Pan de Toni, dicesi antesignano del panettone, ma è una bufala, poiché era semplice pane, ricco di uvetta e cedro candito, e poche uova, e di certo senza burro e lievito, quindi non lievitato. Difficile dire che era il progenitore del Panettone. Era tra l’altro tipico di molte zone d’Italia con varianti, come in Valtellina e a Genova. Così lo faceva a Milano la Pasticceria dei Nobili e ricchi sciur , chiamata COVA e simili. Ripeto NON era il PANETTONE come lo conosciamo, ma un ricco pane con svariate dolcezze.)

Il Kulish secondo la tradizione doveva essere pieno di canditi e  di burro ma soprattutto SUPER LIEVITATO, tanto che si usavano delle carte per farlo alzare e non afflosciare . I famosi Pirottini che poi utilizzò Angelo Motta per primo e a seguire tutti gli altri.

immagini d’epoca con i piroettino che facevano lievitare i Panettoni Motta

Nel 1921 si inizia la vendita del dolce Mucca Viola: il PANETTONE MOTTA.

Il Panettone dunque ha poco meno di 100 anni, così come lo conosciamo e che molti definiscono classico della ….tradizione. ( a me fa un poi sorridere). In quei tempi fu un prodotto UNICO, Rimarchevole, Straordinario che nel gergo di Seth Godin, che anche io adotto, si dice:  MUCCA VIOLA

Questa invenzione permise ad  Angelo Motta di Navigare in un OCEANO BLU.

Ecco il genio ed il coraggio di un imprenditore, Innovare a partire da una tradizione, in modo tale da creare un mercato del tutto nuovo. Sono meno di 100 anni che gli italiani mangiano il Panettone secondo Angelo Motta, il quale per aprire un Mercato fece esattamente le cose che io stesso insegno ai miei allievi e invito a perseguire nei miei corsi e consulenze.

Il suo esempio aziendale sarà approfondito nel mio prossimo libro, qui riassumo in breve i passi seguiti da Angelo Motta per fondare un mercato.

RICERCA.

  • Angelo Motta fu un tenace scopritore ed innovatore. A partire dal Panettone, forse ispirato dal Kulish e grazie alle sue esperienze giovanile nel panificio per i lievitati. egli sperimentò notevoli nuovi prodotti, arrivando fino a oltre 10 linee produttive di grande successo. Ricordiamo il Mottarello, il gelato a stecco tipo Americano, oppure il mio amato Buondì specie quello al cioccolato oppure ciocorì, le caramelle ecc.ecc. Insomma per alimentare il successo occorre sempre RICERCARE iNNOVAZIONI E DI VALORE.

Valore Sociale

  • Comprese che doveva dare valore al suo prodotto, aveva davanti la pasticceria dei ricchi nobilastri sinistri milanesi che andavano da Cova, egli allora aprì il suo primo locale nella Galleria Carlo Alberto, con una nuovissima formula studiata appositamente per sedurre il cliente e farlo sentire uno da…. Motta. Poi ingaggiò talenti creativi artistici, uno su tutti Severo Pozzati, Il primo Manifesto Motta che diedero valore al prodotto attraverso la comunicazione e le immagini sfruttando tutte le tecnologie dell’epoca.

Inneschi Comunicativi Continui 

  • Dino Villani, altro personaggio mitico di cui parlerò presto e dedicherò post specifici data la grandezza. Si occupava della comunicazione della Motta, e fu tra l’altro l’inventore della Colomba. Eh già anche questa di tradizionale ha si e no 60 anni.

Valore Pratico e Innovazione di Valore

  • Il Valore Pratico del Business dipese dalla capacità di Angelo Motta di produrre il Panettone a prezzi competitivi specie nei confronti della concorrenza, che non tardò ad arrivare (a lezione dico sempre che se un prodotto ha successo lo si evince dal numero di concorrenti che lo imitano). La innovazione di successo infatti deve essere associata ad un enorme vantaggio competitivo, cosa che rese grande il successo del Panettone, fu proprio questo aspetto. Prezzo assai competitivo ed al contempo ampi margini di guadagno grazie allo sviluppo organizzativo e bravura di Angelo Motta e collaboratori.

STORIE ed EMOZIONI

  • La grandezza della comunicazione della MOTTA sta proprio in questo, un Brand che al solo citarlo ci fa ricordare il Natale, le colazioni o il gelato. A secondo del prodotto .

Un breve post, che diventerà uno degli esempi più significativi del mio prossimo libro,  che vuole omaggiare e ricordare Angelo Motta, grande imprenditore che si affianca ad altri precedentemente omaggiati come:

 

    Ecc. Ecc.

I miei insegnamenti e consulenze sono tutte ispirate al suo modo di fare Impresa. Se anche voi desiderate imitare con la vostra personalità Angelo Motta, avete tre possibilità.

Conclusioni 

Il grande Angelo Motta è un mirabolante esempio di cosa si deve fare per fare ImpRESA e creare il proprio mercato.

Per tentare di imitarlo avete 3 POSSIBILITà:

  1. Fate tutto da soli…..e …. auguri e preghiere da parte mia.
  2. acquistare il mio libro che vi guida ad aprire un nuovo mercato con l’acquisire nuovi clienti: ACQUISTA IL LIBRO: Come acquisire clienti con il PASSAPAROLA
  3. Richiedi la mia consulenza per aiutarti ad aprire un mercato tutto tuo. Chi sono e Cosa posso fare per spingerti ad acquisire nuovi clienti con il Passaparola.

Video i principi del contagio per diffondere un prodotto

video diretta del prof.  Paolo Orlandi

I principi del contagio

convegno DIGITAL WAY organizzato dalla CNA di Fermo.

Tema dell’intervento:

Aumentare i clienti e come diffondere il prodotto turistico attraverso i principi del contagio di Marketing del passaparola. PRIMA PARTE.

Link di approfondimento

Come aumentare i clienti grazie al prodotto “contagioso”

Fondamenti per stimolare il passaparola.

Gli stimoli per il Passaparola. 2-6

ACQUISTA IL LIBRO: Come acquisire clienti con il PASSAPAROLA