Netflix: strategia marketing pandemica. Cambiare per soddisfare i desideri

 

Oggi in occasione del fatto che da poco sono stati nominati in modo clientelare i vertici della RAI, come al solito nulla è cambiato, mi fa piacer riflettere con voi l’ascesa di una impresa che ha cambiato Strategia di Marketing e prodotto, ma sempre soddisfacendo il desiderio delle persone che era quello dello Spettacolo. In Pratica la Mission  è la stessa, tuttavia hanno creato o se volete scoperto nuovi desideri.

NETFLIX. Nata nel 1996 come un competitor del leader del mercato che all’epoca era Blockbuster, La ricorderete spero. Leader indiscussa in tutto il mondo della distribuzione di dvd e giochi, con le famose tesserino magnetiche e i primi rivenditori automatici.

Chi non ha mai affitato da  Blockbuster? Ebbene sappiate che dal 2013 è Fallita!! Con buona pace degli analisti che ricordo bene nel 2010 nel pieno boom di rivendite in giro per il mondo stanziava milioni di euro per comunicazioni aziendali e il  lancio di nuovi film in esclusiva. (leggete: Evoluzione e fine di Blockbuster) .

Ebbene il suo competitor che fino al 2008 si sbatteva per fargli concorrenza, tuttavia se sei follower guadagni sempre meno, ha pensato di cambiare strada e tentare invece il rischio. Direi anche in modo forzato, senno sarebbe saltato e di brutto. Si perché il sig. Reed Hastings ad un certo punto fu quasi

sul lastrico e le banche, le solite in tutto il mondo, pensarono bene di offrire la compagnia alla Blockbuster, per soli 50 milioni di dollari. Sarebbe così sparito il Brand Netflix, Invece inaspettatamente la leader di mercato si rifiutò di acquisirla. Così in qualche modo il sig. Reed portò avanti la sua Mission imprenditoriale: rendere fruibile in modo facile  ed economica a tutti e ovunque i sogni dello spettacolo, film e televisione, ma …. con un piccolo accorgimento. Sfruttare quella che all’epoca, era il 2008, stava per diventare il modo con il quale le persone erano sempre collegate.

Infatti nel 2008 cambiò il prodotto. Capì la fondamentale e irresistibile ascesa del potere dello STREAMING trami internet.. E divenne in breve la più grande azienda del mondo a distribuire prodotti on demand ( a richiesta pagando) poi con un abbonamento minimo, che ora si aggira sugli 8 dollari al mese (si vabbèe 7,99 per i patiti della psicologia spicciola, sempre 8 euro so!).

In pratica ti abboni e dai tuoi mezzi Pc, Imac, tablet ecc. ecc vedi i tuoi film preferiti o serie tv (Quste poi te le fa scaricare tutte d’un botto, senza aspettare settimana per settimana, fico no?). Potete sempre rivedere, le vecchie serie amate, o le nuove se vi abbonate potete scaricare e veder quello che vi pare. Lo scarico rimane vostro per almeno una settimana. Non vi permette, di esportarlo, almeno per chi non è uno smanettone.

Poi ulteriore salto di strategia per conseguire la solita MISSION PANDEMICA Producono Loro le serie TV e anche alcuni film. In modo Completamente DIVERSO e COINVOLGENTE per l’epoca, scatenando i nuovi e miglior i desideri;: il marketing e i desideri

BOOM su BOOM.

Si perché si da il caso che le serie prodotte sono anche le più belle degli ultimi anni. Segnalo House of Cards, ed in USA sta spopolando DAREDEVIL, in Italia forse in Ottobre su Fox.

Riassumendo, NETFLIX fa quello che faceva prima, distribuisce divertimento alle persone, e contemporaneamente PRODUCE DIVERTIMENTO, per ora in modo eccezionale. Ha in pratica raddoppiato il suo potenziale. Step bY Step.

Successo IMPRESSIONANTE. Dal 2008 a oggi quasi 50 milioni di abbonati negli USA E OLTRE 23 MILIONI di abbonati nel mondo.  In più di recente si è quotata e sembra intenda investire 6 miliardi di euro nei prossimi due anni per approdare in oltre 150 paesi tra cui l’Italia. 3 milioni solo grazie alle ultime serie.

Inoltre pensate un po’ con un sistema innovativo e organizzato ha ancora oltre 5 milioni di abbonati al servizio di consegna DVD: leggete  WIRED: Netflix continua a distribuire

E fa pure molti utili, anche se dicono anche questo settore si sta evolvendo verso nuove forme di supporti, comunque anche per i nostalgici delle coda lunga e …. marketing pandemico

Considerate che i ricavi sono 1,6 miliardi di dollari che l’utile sia pochino, “solo” 26 milioni di Euro, ma ciò che conta sono le potenzialità future. Queste sono state premiate dagli investitori con una ascesa del prezzo delle azioni impressionante negli ultimi mesi. Considerate che solo nei primi 6 mesi, Netflix ha ricevuto oltre 3 milioni di abbonati.

Grande Netflix.

Magari arriverà anche in Italia, in Ottobre dicono con abbonamento da 8 e 12 euro per Hd. Il Problema per Italia, rimane il fatto che si muove con la banda larga, pertanto i compagni politici avendo da sempre affossato le infrastrutture, probabile che questo freni lo sviluppo di Netflix.

per info su netflix:

cliccate per inserire mail ed essere avvertito del suo arrivo

Domanda: AVRà SUCCESSO?

Non me la sento di dire che la Netflix avrà solo successi, tutt’altro. Non ragioniamo come coloro che giudicarono la Blockbuster. Sempre in Campana. La Netflix deve essere brava a produrre serie coinvolgenti, captare i segnali delle persone, e soddisfare sempre i nuovi desideri. State pur certi che comunque i concorrenti Reagiranno e  visto il successo nasceranno altro concorrenti che magari partendo dal lato creativo di produzione di serie tv potrebbero pensare di fargli le scarpe.

Insomma, ciò che ha fatto Netflix a Blockbuster potrebbe esser a sua volta a Netflix. Ecco perché le imprese, specie nel momento di grande successo devono sempre tenere a mentre lo schema Porter della concorrenza: cfr  la concorrenza arriva se hai successo .

Domanda come reagiranno le TV italiane. Boh. Con la tv on DEMAND sia Sky che Mediaset sembra stiano tentando qualche cosa di simile.

Personalmente da telecinefilo da sempre, secondo me, il  gioco si farà sulle serie tv che trasmetteranno.

Ovvero se le tv italiche si ostinano a trasmettere le solite cazzate tipo, gomorra, o i soliti delinquenti italici, direi che poca speranza. Se saranno in grado di realizzare serie meglio scritte e realizzate forse ….

Ma è un mio personale giudizio, da mettere in pratica e vedere se funziona. Di certo così come sono le tv italiche all’inizio penso che specie tra i giovani, poco avranno a competere poi…. si vedrà. Di sicuro la Rai grazie alle tasse e  ai suoi PENSIOANTI VECCHI E ARROGANTI NULLA AVRà DA TEMERE. TANTO PAGHIAMO NOI.

 

 

Annunci

One thought on “Netflix: strategia marketing pandemica. Cambiare per soddisfare i desideri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...