il tipping Point del Bikini? dopo 20 anni

Reard e il suo primo bikini, 1946 3 luglio

Pochi giorni fa il 3 luglio si festeggiavano il 60° compleanno del moderno bikini. Penso che molti sappiano che lo stilista Louis Réard lo presentò il 3 Luglio 1946.

Qui un bell’excursus storico stilistico: storia del Bikini da www.Totalita.it .

Ecco una evoluzione divertente del bikini:

Quello che a me preme come appassionato di fenomeni marketing, dato che in questi giorni si celebra l’apoteosi del bikini, è capire quando e come  e perché ha raggiunto il Tipping Point, ovvero il punto critico che lo ha praticamente eletto a unico ed incostrato vestito da mare.

Pensate che i primi 15 anni sono stati terribili, nessuna donna, o pochissime, lo indossavano. La vendita era scarsissima e i detrattori moralisti lo indicavano come peccaminoso. Tuttavia sembra che ad innescare il cammino verso il punto critico sia dipeso dalla DIVE DEL CINEMA, quali agenti pandemici.

Infatti   verso la fine del   1960 varie Star facevano a gara a mostrarsi semi nude e magari proprio con il bikini. Ricordiamo M. Monroe in Niagara, oppure Rita Hauywort in Gilda.In Italia, il seducente costume fu sdoganato da  Sofia Loren , che con un due pezzi di raso sbaragliò la concorrenza vincendo il titolo di Miss Eleganza nel 1950.  Esther Wiliams per contratto dagli studios a portare il bikini nonostante i puritani all’attacco.

In Francia poi la icona sexi per antonomasia Brigitte Bardot con i suoi due pezzi mirabilmente esposti sulle spiagge di Saint Tropez  e nei suoi film offriva la possibilità di desiderare di indossare il capo ed essere come lei, per lo meno libera.  Poi arrivò anche Ursula Andress  ad innescare la miccia definitiva della sua consacrazione, ma …… solo negli USA ed in Francia. 

Si perche nel resto d’europa faceva fatica a farsi accettare e vendeva poco. In Usa invece fu un vero e proprio Boom di vendite già alla metà degli anni 60.  In Europa invece occorsero almeno altri 10 anni per imporsi e far si che tutte le donne lo indossassero e lo accettassero.

Come vedete, ciò che oggi è comunemente accettato ha fatto fatica ad emergere, e non pensiate che fosse scontato il suo successo, tutt’altro.

Occorre il canale giusto del tempo, all’epoca il cinema. Le condizioni giuste, il fermento degli anni 60-70 e perché no la bellezza insita nel Bikini.

Ricordiamo sempre che il raggiungimento del Tipping Point è impossibile da prevedere, servono gli agenti pandemici (qui le dive), un ambiente in grado di reciperlo, e il fattore presa in grado di accettare quanto proponiamo.

Nel blog troverete altre info riguardo a queste condizioni per il raggiungimento del Tipping Point

 

 

Annunci

3 thoughts on “il tipping Point del Bikini? dopo 20 anni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...