Sharktank: la metafora della creazione dei prodotto stra-ordinari

Ieri mi sono goduto un altra puntata di sharktnak su italia1. Confermo tutte le magagne e i pregi evidenziati la volta scorsa in questo mio post. Shark Tank : azzannano i mercati

Potete seguire tutta le puntate sul sito di un nostro bravissimo lettore   http://www.sharktankitalia.com

Ieri mi ha colpito un aspetto. Molti dei partecipanti, specie tra coloro che non hanno trovato il finanziamento, evidenziavano il fatto di considerare il loro prodotto come se fosse un loro figlio e  si comportavano proprio come i tipici genitori di stampo latino: possessivi, protettivi e gelosissimi tanto da non mostrare, nei casi limiti il prodotto stesso, addirittura uno aveva distrutto il prototipo unico. A un certo punto avevano paura di abbandonare il prodotto nelle mani di altri. Un attaccamento che ha fatto sorridere, anche se con comprensione, gli squali.

Dunque penso che una metafora calzante è quelle di paragonare  il creatore di una idea, ipotetico prodotto stra-ordinario e il genitore di un pargolo intento allo sviluppo e alla crescita educativa.

  • L’evento della nascita é vissuto da ognuno di noi come una grande gioia e massima euforia, mista alle varie paure rivolte verso il futuro che ci attende come genitori, talmente carichi che all’inizio sopportiamo di tutto per il piccolo, basta un suo sorriso e abbraccio e il primo …. vagito.
  • Poi arrivano le prime febbri, i primi piccoli problemi di salute, l’inizio dello svezzamento, le prime relazioni ecc.ecc. sono tutti aspetti che possiamo paragonare al momento in cui dalla idea su carta si passa alla realizzazione del prodotto prototipo.
  • Dopo i 5 anni  inizia la scuola, i primi difficili momenti, con tutti i compiti  da far fare fare ai piccoli. Il prodotto necessità ormai di tutto, e tu sei praticamente al suo servizio, portalo di qua, di là, ecc.ecc.
  • Infine si approda agli anni tremendi dell’età adolescenziale. E come tutti sapete sono dolori. Il prodotto che sembrava quasi perfetto inizia a subire i primi riscontri del mercato e dei concorrenti e scopriamo che così perfetto non era e spesso e soprattutto a causa dei GENITORI. Fase cruciale e delicata della vita questa, occorre calma, sangue freddo e una dose assai di preghiera per superare in 2-3 anni tale momento critico. O la va o la spacca si potrebbe dire.
  • Infine  il piccolo, ormai veleggia verso anni più …. maturi e  raggiunge la maggiore età. Inizia l’Università o inizia un lavoro e qui realizziamo, forse  che il piccolo è cresciuto e si allontana da solo prende il volo da noi. A noi non rimane altro di essere un punto fermo e … poco più.   Ma si allontana inesorabilmente , cresce fuori casa, sceglie le sue strade, che magari non sono quelle che noi ci siamo prefissi per lui, a dir il vero non lo sono MAI. Tuttavia è lui che le sceglie in base anche a come lo abbiamo educato noi, ma non è detto.
  • Ecco questa la fase più difficile, quella che ieri alcuni concorrenti hanno affrontato spesso con il magone, invece di essere felici e contenti che la loro creatura cammina pensa e sceglie e sbaglia da sola. Era lo scopo prefisso fin dall’inizio no? Si distaccano invece  a fatica e spesso non accettano tanti cambiamenti del loro creato. Insomma pensano di poter essere loro gli accompagnatori fino alla fine. Un po’ come succede quando ci si scontra con gli amici dei figli o con i professori, o con tutti coloro che si mettono in mezzo. Ma lascietelo libero di volare sta creatura, che se ben educato se la caverà benissimo da solo.

In conclusione  posso dire che :

Dare alla Luce una creatura alla quale abbiamo donato amore e che possa donare amore a sua volta,

magari cambiando un poco il mondo in meglio è la VISION dei creatori,

con le mille e mille MISSION che scaturiscono

IMPORTANTE è DONARE AL MONDO UN PICCOLO GRANDE CAMBIAMENTO

QUALE SUPREMA GIOIA SI PUò MAI AVERE ?

Ecco mi è venuto in mente questa metafora, tutto il giorno che ci penso. Non so se perfetta e corretta ma mi è piaciuto condividerla con voi.  Ho pensato che come tutte le creazioni il TEMPO è una componente da considerare e che forse non è ben messa in risalto nel FORMAT.

 il TEMPO

è sempre

FONDAMENTALE NELLA CREAZIONE

E

SPESSO LO SI SOTTOVALUTA. 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...