Shark Tank: azzannano i mercati futuri

Il programma televisivo Shark Tank, in onda dal 21 maggio tutti i giovedì su Italia 1, mi ha subito incuriosito. Si parla di potenziali imprenditori che presentano le loro idee da realizzare, o già realizzate da potenziare, a 5 investitori che decidono se comprarsi una quota della società messa in vendita dalle persone. Ascoltati i fatti e fatte le dovute domande di precisazione i 5 investitori parlano a turno e decidono se investire, quanto, se da soli o insieme o se declinare a metter i soldi.

Qui sotto riporto il link di un Imprenditore (sotto nei commenti la gentile risposta)

che vi offre un vademecum per chi volesse aver una sorta di linee guida per partecipare.

http://www.sharktankitalia.com

 

Questo invece il link del programma in onda il giovedì su Italia 1.

Shark Tank su Italia 1

Essendo un criticone polemico mi permetto di dire la mia, dato che mi sono sorbettato le prime du puntate, che durano circa 3 ore, dalle 21,15 alle 24.

Secondo il programma, di stampo nippo-americano, mi sembra un po’ troppo lento. Si sofferma troppo sui cinque e meno sui progetti. Mi spiego. Sarebbe magari interessante se si dedicasse un 3-5 minuti, anche meno, a vedere il progetto come è stato realizzato, dove, in azione. Invece nel programma viene semplicemente presentato a noi tutti e ai 5 investitori, come se si stesse a teatro, ma essendo Televisione forse qualche immagine in movimento in più non guasterebbe.

Inoltre penso che negli USA facciano maggiore uso di slide magari in sovrimpressione che facciano capire meglio cosa sta accadendo e perché. Queste invece vengono usate con parsimonia, invece penso possono essere molto utili, specie dopo 2 ore di trasmissione.

Insomma però al di là delle critiche, il format è assai interessante e spero abbia successo, nonostante diciamolo tutta la non esagerata simpatia dei 5 investitori (vi lascio il piacere di scoprir chi sono e cosa fanno) che poi messi sopra un piedistallo sembrano divinità dell’Olimpo al cospetto di Umanoidi. (aridaje, ce so cascato, ma ve l’ho detto la polemica è dentro di me). Però devo dire sono abbastanza “umani”.

Ecco cosa dice Mediaset del programma e di come è andato:

Il business format targato Italia1 è stato un successo anche di pubblico, con 1.382.000 telespettatori, pari al 6.39% di share, e un gradissimo seguito tra i giovanissimi (con il 17.35% di share sul target 15-24 anni). Anche sui social, il programma ha avuto grande seguito: su Twitter, l’hashtag ufficiale della trasmissione #SharkTankIT è rientrato infatti nella top ten degli argomenti più discussi della serata.

La maggior parte dei progetti vengono accettati, solo pochi sono di fatto scartati. In genere le presentazioni sono fatte molto ma molto bene, quello che pecca nei pochi casi in cui sono rifiutati sono la mancanza di percezione del potenziale mercato futuro. Infatti se la proposta è troppo sganciata da un potenziale mercato  futuro gli investitori non cacciano i soldi.

Il mercato è una bestia Bi-cefala, cioè ha 2 teste che si chiamano

Domanda ed Offerta.

Se chi Offre un prodotto non attira una Domanda, in pratica

NON ESISTE BUSINESS.

Così ragionano gli investitori, con in più  una preponderante visione rivolta al  Futuro.  Essi Si chiedono se un domani, non troppo lontano ci possono essere persone (si spera tante) che pagano per aver il prodotto offerto e se questo pagamento sia redditizio, ovvero se i soldi spesi sono molto di meno di quelli che si andranno a incassare.

Spesso chi si presenta non ha la minima idea, oppure ce l’ha solo nella sua testa di quanta domanda possa attrarre. Allora chi investe tenta di portarlo alla realtà, anche cambiando business plan, pur di attirare una domanda. Insomma l’errore più grave, come al solito è quello di pensare solo al prodotto e alla sua perfezione e non al potenziale del mercato e ai desideri delle persone.

Sembra un considerazione banale e stupida, ma vi assicuro che moltissimi creatori di prodotto alla domanda:

” ma chi la compra sta cosa ? ”

la risposta è spesso GENERICA del tipo

“tutti” o ” molti”.

quando invece la risposta giusta dovrebbe essere già pensata e mirata alle PERSONE GIUSTE, alle quali stimolare un desiderio che possa portarle a desiderare il prodotto e quindi ad acquistarlo.

E non parliamo poi di Target, per favore, in quanto il Target  significa Bersaglio che prima ancora di lanciare il prodotto NON ESISTE, ma è solo nella testa di chi produce.  Caso mai cerchiamo di parlare di DESIDERI che scatena il prodotto in modo da attrarre le persone giuste che possa APRIRE UN MERCATO e poi definiamo il target, ovvero gli obiettivi che ci poniamo di colpire.

Ovvio che per attirare i desideri il prodotto deve essere Stra-ordinario, ovvero una Mucca Viola, per questo vi rimando ai miei molti post al riguardo. prodotti mucca viola e Stra-ordinari

Ecco questo ragionamento occorre radicare in noi se creiamo il nostro prodotto, la nostra arte:

COSA DESIDERANO LE PERSONE?

 SONO DISPOSTE A SPENDERE PER REALIZZARE IL DESIDERIO?  

 E quanto? 

Se la visione della domanda futura è più chiara allora INVESTONO ovvero cacciano i soldi per accaparrarsi un business che si spera  renda in un futuro non troppo lontano.

Tutto sommato un bel programma, che consiglio vivamente a tutti i miei alunni e coloro che mi hanno chiesto e chiedono consigli.  Lo farò vedere a lezione il prossimo anno qualche frammento.

Lasciatemi però infine esprimere la mia totale vicinanza a un progetto che ieri sera è stato Scartato. Un  dentista ha speso oltre 1 milione di euro, nonché temo la sua vita personale,  per  realizzare una birra speciale, credo senza glutine, ha perso tutto per realizzarla.  I 5 non hanno creduto al progetto. Insomma è ufficialmente un FALLITO.

Esprimo la mia totale vicinanza a tale fallimento, sottolineato anche dalle sue amare parole. Ecco questo  è un vero e grande imprenditore, che sono certo se saprà ripartire da questo fallimento realizzerà il suo sogno di diventare produttore di birra. La mia preghiera sarà anche per lui. Grazie per l’esempio, anche se fallimentare e coraggio per il futuro, se è di religione Cristiana si affidi a Cristo, vedrà che si scoprirà non più solo.

 

 

Annunci

5 thoughts on “Shark Tank: azzannano i mercati futuri

  1. Caro Paolo,
    ti ringrazio per l’apprezzamento della mia Guida Gratuita e, pur condividendo la tua opionione sul programma TV, i complimenti devi farli alla società di produzione – TORO TV – e a Italia 1, che ha avuto il coraggio di credere e proporre questo format.

    Se leggi la mia Guida e il mio sito web – http://www.sharktankitalia.com – vedrai che io non sono direttamente collegato alla sua produzione, ma sono un imprenditore e un grande fan della versione originale americana, per cui, appena ho saputo che sarebbe sbarcato in Italia, ho pensato di creare qualcosa che fosse utile per chi ha un progetto da proporre agli sharks o da sviluppare più in generale.

    A proposito della suddetta Guida, ti ringrazio per averla inserita nel tuo articolo, ma, anziché il PDF, ti chiedo cortesemente di inserire il link al mio sito web sopra indicato, affinché le persone lascino la propria email per averla e possano di conseguenza ricevere le successive notizie ed essere avvisati dei miei nuovi articoli sull’argomento.

    Certo che capirai l’importanza di quanto sopra e che provvederai quanto prima alla suddetta modifica, ti invio i miei migliori saluti e mi auguro che ci sia presto l’occasione per sentirci o incontrarci di persona.

    Complimenti per il tuo blog.

    Cari saluti

    Mario Menzio
    http://www.sharktankitalia.com
    skype: mario.menzio

    Mi piace

      1. Caro Paolo,
        ti ringrazio per la tempestiva modifica e sono contento che ci abbia dato l’occasione di conoscerci.

        Ci sentiamo nei prossimi giorni

        Cari saluti

        Mario

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...