La tastiera qwerty esempio di come l’ottimo è pessimo

Mi sono imbattuto di recente in un libro che accennava alla inspiegabile supremazia della tastiera QWERTY.

Per chi non lo sapesse, la  tastiera QWERTY è la più comune tastiera al mondo. Il Nome lo deve alla disposizione delle prime cinque lettere in alto. Fu inventata nel 1836, da un certo Scholes, prode e audace costruttore di macchine da scrivere. Per risolvere un problema di tipo meccanico. Infatti nell’utilizzare troppo spesso alcuni tasti se alcune lettere fossero state vicine il meccanismo si inceppava. Tipico per la lingua inglese le lettere TH.

Ecco la soluzione per lui appropriata di realizzare una tastiera che impedisse l’inceppamento, e che consentisse un utilizzo quanto mai diviso tra le mani  con preminenza ai diti indici. Se ci fate caso sotto le lettere  F e J c’è una stanghetta che permette anche alla cieca di sistemare i diti indici per un corretto uso della tastiera.

La storia evolutiva delle tastiere potete trovarla facilmente navigando in rete. Quello che a noi interessa è capire come mai, una tastiera considerata non perfetta, anzi sembra che sia molto perfettibile, si sia imposta sul mercato e tutti i tentavi che sono stati fatti per soppiantarla sono stati respinti. Alcuni paesi l’hanno adattata al loro alfabeto, tranne l’Italia nonostante il tentativo abortito della Olivetti.

Già perché un prodotto NON OTTIMO si Impone mentre altri OTTIMI invece NON SI DIFFONDONO? Dove sta la Ratio?

Questo mi ricorda molto anche il mercato delle video-cassette, ormai defunto, ove tra i 3 concorrenti VHS, Betamax e vIDEO 8 vinse il peggiore VHS. Per non parlare poi della supremazia del software della Microsoft. Tutti sanno che non era il migliore, non lo è nemmeno oggi, eppure domina il mercato.

Difficile dare una spiegazione razionale. Certo si possono pensare alcune ipotesi tipo:

  1. il primo sistema che si impone e scavalca il punto critico vince il banco.Un fenomeno denominato “dipendenza dell’esito dal percorso” dai macro-economisti statistici.
  2.  comunque anche se non ottimo, permette una scrittura anche “rallentata” per meglio scrivere, (allora contraddice l’ottimo “scientifico” del minor tempo per scrivere)
  3. resistenza al cambiamento, ovvero una volta adottato la resistenza al cambiamento respinge i nuovi entranti, un corollario del punto 1. (per me è una spiegazione stupida, alla lunga si sarebbero dovuto imporre altre tastiere). InoltreSi ricordi che la Francia e la Germania hanno modificato la tastiera, mentre in Italia NO.
  4.  Perfetto uso degli  strumenti di marketing per diffonder il prodotto per un periodo prolungato, (sembra che l’inventore vendette a una grande Company di armi, che per differenziare lanciò la nuova tastiera in grande in tutti gli USA), tipo marketing mix, differenziazione di prodotti, ecc. ecc.

 

Non mi sovviene altro. Fatto sta che ora io sto scrivendo sul mio i-MAC con tastiera QWERTY.

C’e sicueramente da rifletterci per chi fa marketing.

Un Ottimo non Ottimo che  si è imposto meglio di tutti gli altri.

Mi chiedo.

Chi è che determina se un metodo sia il migliore o il peggiore.

Gli scienziati con i loro algoritmi, o le migliaia milioni di persone che scelgono deliberatamente di continuare ad adottare il metodo peggiore?

Un fenomeno denominato “dipendenza dell’esito dal percorso” dai macro-economisti statistici.

Secondo alcuni economisti, Prof. Brian Arthur del Santa Fe Institute, gli eventi casuali accoppiati a un feedback positivo, piuttosto che una superiorità tecnologica determinano la superiorità economica. In barba a tutti i raziocinii umani.

la casualità imporrebbe spesso il suo gioco.

Certo che per alcuni mega professoroni l’uomo ragiona in modo non razionale, e questo ne è un esempio. 

Per altri invece è Iper-razionale, e se continua a perpetrare tale scelta una motivo razionale  lo avrà.

Io da piccolo studioso appassionato di marketing dico solo, che questo è un esempio che ci serve per riflettere. Se fosse vero che la casualità ha un impatto fondamentale sulle pandemie di prodotto, allora abbiamo una unica soluzione: moltiplicare gli sforzi strumentali, Ovvero attivare quanti più diversi e disparati strumenti.

MOLTIPLICARE LE OCCASIONI DI CASUALITA’

Moltiplicare le possibilità che la casualità ci colpisca, non rimaner li inerite ad aspettare che passi il “cigno nero”; ma andare a cercare ovunque si trovi. Con la speranza che prima o poi egli ci trovi.

Aggiungo che  Ottimo  Non dà assoluta garanzia di vendita, come al solito sono le miriadi di azioni perpetrate fin dall’inizio  che possono  determinare il successo. Alimentato poi dagli stessi fruitori in tutto il mondo.

Un esempio utile per chi si riempie la bocca costantemente di Qualità.
La quale da sola non dà per nulla certezza di poter imporre il proprio prodotto sul mercato.

 

Insomma come al solito la diffusione di un prodotto è sempre misteriosa, a noi non resta che rimanere sempre svegli e pronti a modificar  e utilizzar i vari strumenti per diffondere un prodotto, pronti anche a ritirarsi nel caso ultimo non ci sono segnali incoraggianti.

 

 

Annunci

7 thoughts on “La tastiera qwerty esempio di come l’ottimo è pessimo

  1. Bel post.
    Esprimo un pensiero, sulla capacità del caso di determinare il successo di un prodotto.
    Credo che la casualità incida maggiormente dove la conoscenza è minore.
    Penso che l’ignoranza sia il terreno più fertile per fare marketing e pubblicità (ma anche, per esempio, per la politica e per tutte le attività umane “di massa”).
    Tu, da studioso di marketing, cosa pensi della mia affermazione?

    Ciao,
    Andrea

    Mi piace

    1. Ciao, sul caso ti consiglio i libri di N. N. Taleb da giocati dal caso, a cigno nero fino all’ultimo anti fragile, ove confuta la tua tesi in quanto gli ideologi platonici sapientoni sono costantemente giocati dal caso. Solo gli empiristi scettici resistono e sfruttano a proprio vantaggio il caso.
      Nel marketing vigE la stessa casualità, e nn parlerei proprio di massa ignorante ma insiem di persone che scelgOno un prodotto e lo diffondono in modo autonomo senza un disegno pre-stabilito.
      Compito del marketing cogliere empiricamente questi segnali e far emergere i desideri delle persone.
      Molto ma molto difficile. Più facile scrivere business plan.

      Mi piace

    2. Scusa se rispondo in ritardo ,. Non credo sia questione di ignoranza, ma di resistenza al cambiamento. Dipende. In Italia il telefonino ha subiti stimo spopolato mentre il pac fa ancora fatica rispetto alle’estero. Perché .? Boh forse siamo più compagnoni ci piace stare fuori e nn in uno studio.? Da noi i cibi alternativi fanno fatica ma guarda il boom odierno del vengano, in pochi anni il10% .. Perché boh e chi lo sa!!!

      Mi piace

  2. circa le videocassette la diffusione del VHS è stata determinata dal mercato del *p o r n o*: Sony non ha ceduto i diritti per utilizzare i loro supporti, quindi si sono rivolti a Philips i quali fiutando il BUSINESS hanno acconsentito l’uso del formato VHS

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...