il marketing pandemico

<!–more–Il marketing Pandemico
La parola Marketing in Italia incute serio terrore. Ogni volta che viene nominata suscita preoccupazione. Una accezione che squalifica un prodotto come a dire frutto di una comunicazione che intende truffare chi lo acquista.
Il termine quindi in Italia è soggetto a diversi errori e incomprensioni di fondo, frutto di visioni ideologiche sostanzialmente ostili al mercato.
Il primo errore eclatante è considerare il Marketing ed il prodotto che realizza come un semplice modo di estorsione di soldi.
Il secondo errore è invece legato al fatto che si intende per Marketing le varie forme di comunicazione che vengono realizzate per far conoscere il prodotto e che invitano all’acquisto.
La pubblicità sia onesta che ingannevole è considerata Marketing sic et simpliciter, non una sua minima,nonchè importantissima parte.
Il Marketing è tutt’altro e d più.
La Vision e la Mission che si mettono in atto per far si che la vendita sia una funzione superflua, ecco questo è il Marketing.
Lo scopo precipuo del Marketing è la realizzazione della propria domanda attraverso una offerta di un prodotto stra-ordinario.
L’offerta che crea la propria domanda.
Prima che si immette l’offerta sul mercato il prodotto non ha la sua propria domanda, tuttavia se la visione creativa ha visto giusto ed ha realizzato i giusti passi allora si che la domanda si crea e il successo è assicurato.
Questo è Marketing. :
Sogno Creativo che si implementa nella vita di tutti i giorni e cambia il mondo.

Avete mai pensato ai prodotti più tradizionali e comuni e al modo di come si sono imposti nella vita di tutti i giorni?

Partiamo dalla colazione.
In Italia la tipica e mitica colazione è cappuccino e cornetto, quasi in tutta Italia, tuttavia non è stato sempre così.
Iniziò ad esserlo a partire dagli anni ’10 con l’avvento delle prime macchine del caffè espresso.
Prima del suo avvento come si faceva colazione?
C’erano le mitiche latterie, oppure a casa in genere con il salato, ma nessuno sentiva la necessità di un …Cappuccino.
Furono i napoletani a creare quella miscela di latte e caffè, per risparmiare il latte in quanto con il vapore gonfiavano il latte e risparmiavano sulla materia prima. Geniali!! Da lì a poco le latterie, prima dei bar o delle taverne, e i vari costruttori di macchine del caffè diffusero l’epidemia del cappuccino.

Altro esempio l’introduzione della Coca-cola in Italia avvenne nel dopoguerra grazie agli americani, soppiantò facilmente l’aranciata, la gassosa, il chinotto e l’orzata.
L’offerta di novità e creatività ha creato la sua domanda. Non che in Italia non ci fossero bibite, e che bibite io adoro il chinotto savonese e la cedrata, ma la Coca-cola si impose all’epoca senza pubblicità, anzi quella arrivò tardi e non fece vender di più ma consolidò la percezione del brand creando una sorta di esterofilia.

In questi giorni ricorre l’anniversario di una icona italiana, la Vespa. (stesso discorso per la sua concorrente la lambretta).
Nata dalla intuizione di un grande designer che sfruttò rimanenze di magazzino, si pensi alle ruote che erano gli avanzi dei carrelli degli aerei, per realizzare un nuovo veicolo di trasporto motorizzato ancora oggi invidiato.
Prima che nascesse c’erano le moto, nessuno sentiva la necessità di un nuovo modo di andare per strada, tuttavia appena uscì fu un successo strepitoso, realizzando una domanda strepitosa.
Evidentemente la vespa ha scoperto un desiderio latente, quello di un mezzo più semplice e comodo da guidare
rispetto alla moto e che consentisse di trasportare con maggiore faciclità il passeggero.

I professionisti del Fashion System conoscono perfettamente la potenza creatrice dell’offerta che crea la sua domanda, poiché si ripete ogni anno in modo vorticoso rispetto ad altri settori. Occorre sempre inventare con creatività ed offrire un prodotto che sappia attrarre una domanda sufficiente per la diffusione del prodotto.

Il Marketing è questo, implementare un sogno (in gergo Mission) e far si che si crei una domanda necessaria e sufficiente per la realizzazione e diffusione del prodotto.

Il Marketing Pandemico è il modo attraverso il quale si cerca di diffondere il prodotto, come se fosse una pandemia virale. Le mamme sanno bene che se all’asilo un bimbo ha un raffreddore tempo pochi giorni e tutti i bimbi saranno infettati. Ecco il Marketing Pandemico si può spiegare attraverso questo semplice esempio. Il prodotto da diffondere come un “virus” in maniera esponenziale. Salvo ritirarlo se l’offerta incontra un antidoto che lo debella, il cigno nero esiste e prima o poi fa sentire i suoi effetti.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...